StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

Queens of the Stone Age – Lullabies to Paralyze

Posted by StepTb su maggio 17, 2005

(Interscope, 2005)
Album

Songs For The Deaf ha conquistato pubblico e critica, Josh Homme è diventato una star, ma purtroppo questo periodo più che positivo non dura a lungo per la band; innanzitutto, Homme caccia via Oliveri “per divergenze artistiche” (in seguito invece rivelerà che Oliveri aveva importunato sessualmente Brody Dalle, fidanzata di Homme e cantante dei Distillers), poi si imbarca in un progetto solista relativamente trascurabile, gli Eagles Of Death Metal (che nel 2004 pubblicano il loro primo disco, intitolato Peace, Love and Death Metal); infine decide finalmente di circondarsi, come sempre, di vari amici musicisti per incidere il quarto album a nome Queens Of The Stone Age.
Per stabilire una sorta di filo conduttore con la precedente opera, Homme decide di intitolare il disco Lullabies To Paralyze, frase presente nel testo di Mosquito Song (ultima traccia di Songs For The Deaf).
Lapporto di Mark Lanegan, stavolta, è minimo: registra solamente la seconda voce in Medication, Tangled Up In Plaid e Long Slow Goodbye, poi parte in tour con la sua band.
Josh chiama invece a dar man forte al suo progetto Troy Van Leeuwen (ex A Perfect Circle), Joey Castillo, e Alain Johannes (già collaboratore nella canzone Hangin Tree sul precedente album).
Però stavolta qualcosa non ingrana: la produzione è molto più pulita e rock nel senso tradizionale del termine (più adatta ad un gruppo new-wave che ad un gruppo Stoner), lalchimia che caratterizzava Songs For The Deaf è svanita, le sperimentazioni melodiche di Rated R sono lontane anni luce da ciò che frulla in testa a Homme, e il primo album è solo un bel ricordo.

Dopo una pacata ninna-nanna country che fa da introduzione (This Lullaby) incontriamo la trascinante Medication, che apre lalbum alla perfezione, rasentando nuovamente il “Robot Rock” degli esordi, stavolta in modo più catchy e melodico; poi la demenziale ma potente Everybody Knows That You Are Insane, e a ruota le carucce Tangled Up In Plaid e Burn The Witch; il disco continua su questa linea abbastanza buona con le più incisive In My Head e Little Sister (questultima il primo singolo, azzeccato per lequilibrio perfetto tra melodicità e potenza), ma poi precipita negli abissi con una serie di quattro pezzi troppo lunghi e trascurabilissimi (vuoi per ripetitività, vuoi per banalità, vuoi per il senso di disinteresse che procurano).
Dobbiamo aspettare fino a Broken Box, che riporta per un attimo alle atmosfere di Rated R; peccato che sia seguita da un altro episodio minore e ripetitivo, You Got A Killer Scene There, Man… (retta solamente dai cori vocali, a cui partecipano Brody Dalle, Shirley Manson dei Garbage, il già citato Mark Lanegan, e Chris Goss), prima di arrivare alla traccia conclusiva Long Slow Goodbye, ballad molto bella e dalle caratteristiche tipicamente qotsiane.

Questo album, fondamentalmente, non convince. Probabilmente il mediocre risultato è dovuto al fatto che Josh Homme stavolta non abbia voluto (o non abbia potuto) costruire alcuna alchimia con i suoi collaboratori, e si sia concentrato solamente su se stesso; buona parte delle tracce trasudano infatti egocentrismo da ogni poro, ed evidentemente queste cose incidono negativamente anche su grandi musicisti come Homme.
A ciò bisogna anche aggiungere che, purtroppo, il calo di idee e di creatività è evidente. E la produzione quasi pop-rock non aiuta di certo, smorzando i pochi spunti aggressivi e facendo rimpiangere le schitarrate e il drumming di
Songs For The Deaf.
Insomma: non è un lavoro da cestinare, ma nemmeno da elogiare; vista la caratura dei tre dischi precedenti, era certamente lecito aspettarsi qualcosa di più.
Peccato, unoccasione sprecata.

6/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: