StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

Finch – Say Hello to Sunshine

Posted by StepTb su settembre 4, 2005

(Drive-Thru/Geffen, 2005)
Album

A causa di tensioni con la casa discografica, i Finch devono dire addio sia al producer Mark Trombino, sia al drummer Pappas, rimpiazzato da Marc Allen.
Esce così nel 2005 il secondo capitolo della band, intitolato Say Hello To Sunshine, e volutamente rilasciato nei p2p dalla band stessa prima delluscita discografica.
La maturazione stilistica del gruppo è evidente fin dalle prime note; difatti il quintetto ha abbandonato del tutto gli stilemi emo (tranne che nella trascurabile A Piece of Mind), pur continuando a suonare sostanzialmente un pop-punk molto ricercato, e ha evidentemente assorbito influenze da artisti più sperimentali (nel CD sono presenti perfino sventagliate prog).
Per quanto riguarda le sonorità complessive, la band suona un po come la versione pop-punk dellhardcore sperimentale degli ultimi Refused.
Ma, soprattutto, limpronta di Mike Patton è riconoscibile un po in tutte le tracce, specie nei vocalizzi di Barcalow, e questo è il grosso difetto dellalbum. Un ascoltatore che conosca lo stile di Patton non può fare a meno di riconoscere le troppo forti influenze in pezzi come Insomniatic Meat e Ink (che sembrano una versione hardcore del sound di
The Real Thing), o di tracce più violente come Reduced To Teeth e Ravenous (che sembrano uscite da King for A Day).
I pezzi Brother Bleed Brother e Miro sembrano invece repertorio degli Incubus.

Molto più personali piuttosto tracce come lottima A Man Alone, in bilico tra quiete e hardcore rockeggiante, le esplosioni devastanti di Revelation Song, la potente e melodicamente ondeggiante Bitemarks and Bloodstains, la folle The Casket of Roderick Usher, la sperimentale e molto bella Dreams of Psilocybin.
Peccato che gli episodi migliori e più freschi si debbano trovare quasi tutti alla fine, e peccato anche che le idee senzaltro buone della band vengano contaminate da questa eccessiva ricerca di influenze Pattoniane. Il gruppo si piazza dunque fra le fila di coloro che cercano il successo tramite una rilettura delle idee già avute dal buon Mike, come ad esempio anche Incubus e Lostprophets (e idealmente, in termini di creatività e freschezza sonora, i Finch sono un gradino sotto ai primi ma almeno un gradino sopra ai secondi).
Purtroppo la band annuncerà lo scioglimento appena un anno più tardi, e tutti i componenti continueranno a suonare in altri progetti.


6.5/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: