StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

Puscifer – V is for Vagina

Posted by StepTb su novembre 10, 2007

Puscifer Entertainment, 2007
Album

Puscifer è il monicker dietro cui si nasconde il progetto musicale più personale e “privato” di Maynard James Keenan, vocalist dei celebri Tool e degli (ormai in pausa probabilmente definitiva) A Perfect Circle.
Prendendo il nome da un aneddoto della sit-com “Mr. Show” (nel cui primo episodio figurava appunto una fantomatica band di nome “Puscifer”, con Keenan e Adam Jones tra i membri), Puscifer è diventato un progetto musicale vero e proprio nel 2003, quando Keenan ha firmato in questo modo il pezzo REV 22:20 (scritto per la colonna sonora del film Underworld).
Si è poi tornati a parlare di Puscifer nel 2005 (quando un remix di REV 22:20 a cura di Charlie Clouser, uno dei collaboratori più stretti di Trent Reznor, è finito nella OST del film Saw II) e successivamente nel 2006 (quando un nuovo singolo, The Undertaker, remixato dal celebre Danny Lohner, è finito nella OST del film Underworld: Evolution).
Con la chiusura del progetto A Perfect Circle, Keenan ha deciso infine di dare un meritato spazio a Puscifer, dapprima con un singolo di lancio goliardico (Cuntry Boner, una parodia triviale del country, uscito solo su singolo -nonché cover di un pezzo degli Electric Sheep, la vecchia band in cui suonavano Tom Morello e Adam Jones-), poi con un EP (Don’t Shoot the Messenger, raccolta di tutti i pezzi apparsi fin’ora a nome Puscifer più l’inedito Trekka), e pochi giorni più tardi con un vero e proprio album, intitolato V is for Vagina.
L’approccio da riservare a quest’ultimo è abbastanza chiaro non solo osservando titolo e cover dello stesso, ma anche ascoltando l’assurda Cuntry Boner o venendo a sapere che Puscifer promuove anche un’omonima linea d’abbigliamento.

Passando al disco, la definizione più esatta l’ha data lo stesso Keenan in un’intervista: “Simply a playground for the various voices in my head […] a space with no clear or discernible goals […] where my Id, Ego, and Anima all come together to exchange cookie recipes“.
V is for Vagina è insomma una raccolta di diverse idee (abbastanza strampalate o fuori dai canoni da non poter venir discusse negli altri suoi progetti musicali) che Keenan ha sviluppato come espressione di sé, in modo immediato e tutto personale (come sempre in Keenan la vena goliardica non ha un inizio ed una fine, ma è qualcosa di vitale e impulsivamente inconscio).
L’ascoltatore si trova in una stanza buia di fronte ad un mosaico di frammenti sparsi nel caos, spesso raccolti tramite ripetizioni riflettenti l’istintività della composizione. Raccattandoli e riorganizzandoli ci si accorge ad ogni modo che Keenan in questo lavoro non ci ha messo il cuore ma appunto solo l’istinto, ed in particolare ascoltando gli ultimi due pezzi (il delirio psichedelico-mistico allucinato di Sour Grapes ed un remix intimista ed etereo di REV 22:20) ci si rammarica che anche nel resto del disco non vi siano stati impegni estetici orientati in tali direzioni: Queen B. e DoZo sono due pezzi troppo ripetitivi e derivativi (dal trip-hop ipnotico di scuola inglese), mentre Vagina Mine e Momma Sed (quest’ultima scritta assieme a Commerford e Wilk dei Rage Against the Machine) due riproposte un po’ più oscure, con i medesimi timbri vocali, la prima più affascinante nelle atmosfere (e nel languido basso) e la seconda forse la traccia più catchy del disco, ma ugualmente troppo pallide per convincere realmente.
Con Drunk with Power, The Undertaker (remixata in una versione differente e meno industriale) e Trekka si rialza il livello generale, grazie ad un trittico molto compatto (d’altronde in due delle tracce collabora Lustmord) e un po’ autocompiaciuto, ma dalle sfumature viscerali apprezzabili (specie in Trekka, a cui presta alcune voci di sottofondo anche Jarboe). Infine lo spettacolo si chiude con Indigo Children (la traccia forse più percorsa da scariche elettroniche inquiete di marchio Nine Inch Nails) e le già citate Sour Grapes e REV 22:20 (Dry Martini mix), ovvero i due episodi migliori di tutto l’album.

V is for Vagina è un disco con evidenti e disorientanti mancanze, ma sono tutte mancanze volute già in partenza, in una sorta di divertimento un po’ intellettuale, un po’ mistico, un po’ infantile, un po’ sovversivo (è decisamente un lavoro nato e progredito in senso contrario alle più comuni “regole di mercato”); incuriosirà molti, suonerà troppo “fuori dai canoni” o enigmatico ad altri, e divertirà specialmente i fan di Keenan, oramai abituati alla sua personalità eccentrica ma capace di stupire regolarmente ad ogni appuntamento.


6/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: