StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

Here We Go Magic – Here We Go Magic

Posted by StepTb su febbraio 16, 2009

Western Vinyl – 2009
Album


Here We Go Magic
è il moniker dietro cui si cela il brooklynese Luke Temple, già autore di Hold a Match for a Gasoline World (2005) e Snowbeast (2007), due album indie-rock influenzati dal pop-rock autoriale ed eclettico di Andrew Bird e in minor misura dal freak-folk newyorkese.

Il nuovo progetto di Temple sembra essere volto ad espandere quella sua vena cantautoriale verso territori più spaziosi: il primo omonimo album enfatizza lanima psych-folk, e allo stesso tempo tenta di incorporarla in strutture indietroniche che ricordano da una parte gli eccellenti esperimenti di alcuni suoi connazionali (Animal Collective in primis, ma in minor misura anche TV on the Radio e LCD Soundsystem) e dallaltra lindie-pop e il twee-pop più frivoli e spensierati.
Le varie dimensioni musicali riescono a convergere verso formule inaspettatamente catchy e raffinate in almeno tre episodi, ovvero lopener Only Pieces e le poco seguenti Fangela e Tunnelvision: si tratta di composizioni ipnotiche, che giocano sia con gli "hook" vocali (particolarmente memorabili nelle prime due) sia con le mesmerizzanti stratificazioni
(lapice in questo senso è invece nella terza) di chitarre folk, battiti elettronici e synth imparentati alla lontana con la psichedelia cosmica dei tedeschi Ash Ra Tempel.
Appena sottostanti vibrano invece Ahab, che porta allestremo le influenze psichedeliche cosmiche facendole ondeggiare tramite languide modulazioni tastieristiche, e I Just Want to See You Underwater, ulteriore texture ipnotica e psichedelica accesa dagli stream chitarristici e dagli andirivieni di voci filtrate.

Il problema del disco è che le buone idee si esauriscono nel giro di queste cinque tracce, non giustificando affatto luscita di un full-length; purtroppo Temple ha ceduto ad una delle tendenze più deleterie dei nostri tempi, ovvero quella di concludere in fretta il lavoro completandolo con alcuni insapori filler, che qui rispondono al nome di Ghost List, Babyohbabyijustcantstanditanymore, Nats Alien (tre pezzi drone-ambient che non solo risultano prolissi e privi di idee, ma spezzano anche malamente il flusso e lumore andatisi a creare) e Everythings Big (una ballata blues-pop un po troppo svenevole che pare uscita direttamente dai 1960s, senza alcun aggiornamento o evoluzione sonora).
Temple ha quindi bruciato loccasione di dare alla luce un memorabile album nel filone psych-pop-indietronico, preferendo affrettarsi a pubblicare un full-length nonostante avesse idee sufficienti solamente per un ottimo EP.
Vedremo se alla prossima occasione saprà rimediare allerrore.

Nel frattempo gli Here We Go Magic sono impegnati in tour, grazie allapporto di Baptiste Ibar (basso) e Peter Hale (batteria), affiancati a Temple stesso in sede live.

6.5/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: