StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

Kreng – L'autopsie phénoménale de Dieu

Posted by StepTb su settembre 1, 2009

(Miasmah – 2009)
Album

La piccola label norvegese Miasmah di Erik Skodvin colpisce ancora, pubblicando un altro album oscuro, profondo e fuori da ogni canone.
Si tratta stavolta di L’autopsie phénoménale de Dieu, primo album a nome Kreng, moniker dietro il quale si cela in realtà lartista belga Pepijn Caudron, coadiuvato qui da un pianista, un percussionista e alcune guest vocali.
Caudron è da tempo un collaboratore musicale per la compagnia teatrale surrealista Abbatoir Ferme, e proprio questa serie di composizioni nasce in realtà come ipotetica colonna sonora ad alcuni loro progetti teatrali e cinematografici.
Lautopsie phénoménale de Dieu è anzitutto un lavoro di arrangiamento attorno a found sounds e sampling cinematografici, per i quali vengono costruite inquietanti tessiture musicali free-form grazie a pianoforte, archi e colpi percussivi; il territorio stilistico coperto è decisamente vasto, e costituisce un perfettamente equilibrato punto dincontro tra dark-ambient (particolarmente vicino al progetto norvegese Elegi, del collega di label Tommy Jansen), jazz, e musica classica (con influenze, per questultima, che rimbalzano principalmente dal Romanticismo a Erik Satie).
Le tracce si susseguono in un flusso con poche e rare sbavature (le uniche presenti sono dovute al lievissimo rimaneggiamento seguito alla pubblicazione su CD dopo quella su vinile), pensato come ununione di due lunghe suite nelle quali vanno a convergere e sovrapporsi composizioni differenti scritte nel tempo.

Na de sex apre con lontane voci femminili operistiche su tappeto darchi thriller e rumori ambientali, prima di accompagnare una timida nenia al pianoforte in stile Arvo Pärt al quale si aggiungono brandelli di batteria jazzata, chiudendo poi con sampling di vario genere; Tinseltown scorre su di un tappeto percussivo quasi industrial-ambient mentre in lontananza si odono fiati lamentosi, prima di lasciare tutto lo spazio ad una sentimentale melodia pianistica; in unatmosfera inquietante, i colpi dissonanti a pianoforte e fiati di Mirandas onrustige slaap sono una rivisitazione minimalista del free-jazz alla Braxton; Meisje in auto prende addirittura in prestito il Preludio No. 20 di Chopin (che non suona assolutamente fuori posto accanto al resto del materiale), per accompagnarlo ad unaltra minimale ritmica jazzata e a sampling di pianti femminili, con un risultato angosciante; quei sampling proseguono in In de berm (Part 3), che li seppellisce sotto ad una serie di rumori ambientali e continue vibrazioni telluriche percussive, mentre comparsate di fiati e archi tesi spasmodicamente sembrano preparare unesplosione, sfociando invece nei densi tappeti spettrali di Nerveuze man, tra archi gotici, rintocchi di campane, minimali colpi pianistici e percussivi; una linea melodica tzigana al violino colora, assieme a poche note al piano, il vuoto ambientale di Caliban, prima di lasciare spazio a Het wordt ouder, nella quale convivono batteria e fiati jazzati, voci operistiche, contrappunti orchestrali, archi e sampling drone-ambient; Transmutation Device e Vomitor si basano su un quasi-silenzio interrotto da rumori e dissonanze, con chiari riferimenti ai minimalismi atonali di John Cage, e vengono separate da Asphyxia, una soffocata e scarna ritmica tribale.
La suite finale, divisa in 6 tracce, si concentra invece inizialmente soprattutto su stratificazioni drone-ambient, accompagnate da nebbie spettrali, voci oniriche (Slaapliedje) e pochi exploit agli archi, prima di chiudere con le evoluzioni percussive della traccia più lunga del lotto (i 6 minuti e mezzo di The Black Balloon & the Armadillo) e il respiro romantico della finale Merope.

La particolarità che rende grande il disco è il fatto di sfoderare una magistrale e rara sensibilità in tutti e tre i principali campi musicali di riferimento, riuscendo quindi a risultare appetibile invariabilmente per i pubblici dellambient, del jazz e della classica contemporanea; in un panorama nel quale si assiste invece continuamente alluscita di album ambient o avant-garde aridi e privi di qualsivoglia attrattiva per i non fan del genere, Lautopsie phénoménale de Dieu diventa dunque unuscita da non perdere.

7.5/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: