StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

The Haxan Cloak – The Haxan Cloak

Posted by StepTb su dicembre 1, 2011

Aurora Borealis, 2011
Album

Bobby Krlic, britannico dello Yorkshire trasferitosi a Londra, compone e registra musica sotto il moniker The Haxan Cloak.

Dopo un primo EP senza titolo/omonimo nel 2009, ancora acerbo, e il più interessante EP/singolo (a seconda delle catalogazioni) Observatory nel 2011, lavori che mostravano influenze dal minimalismo classico di Arvo Pärt e Terry Riley così come dall’industrial di scuola Throbbing Gristle e dal dark ambient della label Miasmah Records (in particolare i dischi usciti a nome Elegi, moniker del norvegese Tommy Jansen), si è fatto notare a livello internazionale con l’omonimo debutto full-length The Haxan Cloak (Aurora Borealis, 2011).

L’album si apre con Raven’s Lament, che si presenta come una versione più dettagliata e complessa di Horses Hung, richiamando alla mente ancora una volta lo Jansen/Elegi di Varde, ma prosegue con variazioni ad ampio respiro. An Archaic Device porta le premesse dell’opener verso territori drone che evolvono verso un disturbo noise, e sprofondano nelle pulsazioni distorte e viscerali di Burning Torches of Despair.
I cori stratificati di The Fall prendono lo slancio da Arvo Pärt come Horses Hung, ma recidono il cordone ombelicale con entrambi.
Il dark ambient con archi distorti di In Memoriam rivela ancora un’impronta alla Miasmah Records, mentre la più ostica The Growing esplora territori rumoristici, costituendo il momento più influenzato alla musique concrète assieme a Burning Torches of Despair.
La conclusiva Parting Chant fa evolvere dei cori stratificati dai risvolti tragici e dalle influenze orientali in una bolla dissonante ma avvolgente, mentre i quasi 11 minuti di Disorder, il pezzo probabilmente centrale del disco, sperimentano soprattutto con gli archi, cui poi si aggiungono percussioni e droni via via più minacciosi.

Anche se non fila ancora tutto alla perfezione, il lavoro è un risultato impressionante per essere stato realizzato interamente da un giovane poco più che ventenne (Krlic è del 1988).

7/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: