StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

Il complottismo non ha un colore, ma forse ha una causa

Posted by StepTb su aprile 25, 2015

Post sul complottismo che mi tenevo in canna da un po’ di mesi.

Colgo l’occasione perché non molto fa è uscito un articolo su Scientific American (link) che ricorda tre dati a proposito delle tendenza a credere alle teorie del complotto.

1) “Surveys by Uscinski and Parent show that believers in conspiracies “cut across gender, age, race, income, political affiliation, educational level, and occupational status.” People on both the political left and right, for example, believe in conspiracies roughly equally, although each finds different cabals.

Come hanno confermato vari poll e studi prima di questo, il complottismo non è né di destra, né di sinistra.
Qui userò l’aneddotica: come chiunque capace di ragionare, anche a me capitò, appena iniziato a capire cosa fosse la politica, di imbattermi nel “pensiero” estremista di un colore e dell’altro, e di riconoscerlo in entrambi i casi come imbecille ad essere generosi. Ciò che non focalizzavo ancora bene era il fatto che entrambi utilizzassero della retorica complottista per portare avanti le proprie tesi – questo perché ho scoperto cosa effettivamente fossero i complottisti solamente una volta avuta l’ADSL e finito per sbaglio nel pozzo online delle paranoie in libertà di cui prima ignoravo l’esistenza.
Tuttavia, nel frequente caso in cui il grosso degli anni giovanili venga passato in ambienti saturi di litania anti-USA, anti-Israele e anti-“sistema”, ci si può facilmente convincere che ormai, in quest’epoca post-WWII e post-68, il complottismo abbia trovato casa per l’appunto nel pensiero sessantottino del “fight the system” e bla bla; tale è stata per un certo periodo anche la mia sensazione. Un confronto, anni dopo, con utenti americani, mi ha svelato che, ironicamente, nel Nuovo Continente il complottismo viene al contrario visto come “di destra”, a causa del loro peculiare assetto politico in cui la dx (che sia conservatrice o libertarian) non è mai dx sociale, ma sempre contraria alle politiche stataliste, e quindi è la dx quella ad essere scettica e, nei casi estremi, paranoica nei confronti del “sistema”. Ma anche la loro sx è mobile, e abbraccia con disinvoltura aperture complottiste nel momento in cui le fa più comodo (dal noto esempio dell’omicidio JFK a tutte le paranoie contro le corporation, non ultime quelle sulla Monsanto e su tutti gli OGM).
La prova empirica di quest’assenza di colore, nel nostro panorama nazionale, è stata data dall’entrata nell’arena politica del M5S; costruito su più basi sedimentate (il seme originario può essere individuato negli spettacoli grilleschi anni ’90), sfruttando un’onda lunga di sentimenti antisistema, non s’è fatto scrupoli ad accogliere e far leva a livelli diversi su complottismi d’ogni genere (1, 2, 3, 4), e, allo stesso tempo, ha pescato a strascico lungo tutto l’asse da dx a sx.
A distanza di tempo, appare evidente come le ideologie estremiste poggino le proprie basi su complottismi più o meno celati: per essere estremisti, costoro necessitano di prendere una posizione manichea secondo cui “l’altro” è il nemico assoluto che li opprime, mentre ammettere proprie colpe e mancanze finirebbe inevitabilmente per trasformare il bianco/nero in una scala di grigi, e dunque ricadere verso posizioni centriste.
Più o meno celati, perché spesso il ragionamento complottista si annida dietro talmente tanti strati di retorica che può diventare difficile riconoscerlo come tale. Un caso che non può più essere celato, perché la Storia ce l’ha consegnato già analizzato e sviscerato, è quello del filone antisemita che culminò nel periodo nefasto cui resterà indissolubilmente legato. Un caso molto più insidioso, perché nascosto dietro problemi sociali realistici e al ricatto morale del politicamente corretto, è quello, tipicamente di sinistra, del dividere la popolazione in gruppi identitari a cui rivolgersi politicamente e ai quali vendere il concetto (complottista) secondo cui ogni loro problema è causa di un altro gruppo identitario, stavolta di maggioranza, che li ha sempre oppressi – ignorando platealmente il fatto storico che, lungo il corso del tempo, anche in quella stessa maggioranza il potere è sempre rimasto nelle mani di una minuscola élite.
E infatti,

2) “Group identity is also a factor. African-Americans are more likely to believe that the CIA planted crack cocaine in inner-city neighborhoods. White Americans are more likely to believe that the government is conspiring to tax the rich to support welfare queens and turn the country into a socialist utopia.

3) Infine, “42 percent of those without a high school diploma are high in conspiratorial predispositions, compared with 23 percent with postgraduate degrees.
– Come mostrano i dati, la variabile dell’educazione da sola non basta a spiegare la tendenza al complottismo: nonostante si rilevi una riduzione, quasi un quarto di chi possiede titoli superiori alla laurea triennale ne risulta ancora non immune.
Potrebbe quindi essere spiegata col benessere economico? Pare di no (vedi più sotto).
Io ho una teoria su quale sia il fattore principale, che ho dedotto da una ricerca sul web in cui ho confrontato varie fonti.

http://www.publicpolicypolling.com/pdf/2011/PPP_Release_National_ConspiracyTheories_040213.pdf
La prima pagina riassume un po’ tutto il discorso di poc’anzi. C’è una distribuzione equa di chi crede ai complotti, che varia grandemente a seconda di come viene formulata la domanda (non essendoci una definizione universale di cosa sia esattamente un complotto, la formulazione della domanda può contenere questo o quell’altro bias e variare di molto il risultato), ma anche del tipo di complotto (NWO e global warming schiaccianti tra i repubblicani, e invece pari sulla guerra in Iraq).

911worldopinionpoll_Sep2008
World poll sul 9/11, condotto nel 2008. Nigeria e Kenya figurano meno complottiste dell’Italia.

A cui va aggiunto http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1467-9760.2008.00325.x/abstract
Si legge solo l’inizio, ma riporta che nel 2006 il 22% dei canadesi credeva al 9/11 come complotto attuato dagli stessi americani. Più della media mondiale, e di varie nazioni nettamente più povere, di due anni dopo.

http://www.911truth.org/images/ZogbyPoll2007.pdf
Poll sul 9/11, la correlazione dell’income non è evidente. Si abbassa e poi si alza quando si passa alla fascia di reddito più alta. Quindi nemmeno la variabile del reddito basta a spiegare la tendenza al complottismo.

http://www.aei.org/files/2013/11/06/-public-opinion-on-conspiracy-theories_181649218739.pdf
Vari poll condotti nel tempo. Pochissimi considerano la variabile income, ma, dove c’è, mostra variazioni di pochi punti. La variabile dell’istruzione ne mostra di più, ma ci si aspetterebbe maggiori variazioni, soprattutto tra high school e college. Il dato ricorrente è di nuovo che, pare, siano equamente distribuiti demograficamente e politicamente, e che varino a seconda del tipo di complotto. Ad esempio, il complotto sull’assassinio di King vince nettamente tra le minoranze etniche e i democratici.
Nelle loro parole:
We don’t find compelling evidence from the data in this document that particular demographic groups are susceptible to a belief in conspiracy theories. It depends on the theory. Middle-aged Americans are more likely to believe in the JFK assassination conspiracy than older or younger ones. Young people and Democrats are most likely to subscribe to conspiracy theories about 9/11. Women are more likely to believe foul play was involved in Princess Diana’s death. While the demographic data presented here are by no means exhaustive, we’re hesitant to endorse what much of the literature concludes – that the young and less educated are more prone to conspiratorial instincts.
– Quindi sia il loro risultato, sia quello più diffuso, mostrano come correlazioni principali delle altre rispetto alla povertà.

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.2044-8309.2010.02018.x/abstract
Studio che mostra come ci sia una correlazione tra un tipo di personalità machiavellica e la credenza ai complotti. Chi crede ai complotti, è probabile ne farebbe uno.

http://www.psypag.co.uk/wp-content/uploads/2013/09/Issue-88.pdf
Compendio di vari studi. Alle pp. 8-9 elenca la serie di correlazioni finora emerse da essi: bias cognitivi, alti livelli di rifiuto delle norme sociali, autoritarismo, sensazione di impotenza, basso self-esteem, bassa fiducia, cattivo carattere, alti livelli di cinismo politico. Conclude sostenendo ci siano vari meccanismi sia cognitivi che sociali in gioco, e che, per ora, oltre alle correlazioni trovate, gli studi siano ad uno stadio troppo precoce per avventurarsi nell’individuare quali siano invece le cause.
Alle pp. 23-24, parlando della possibile ma in realtà sfuggente correlazione tra complottismo e autoritarismo, secondo me c’è il passaggio che riassume tutto:

Several studies by Monika Grzesiak-Feldman have shown that anti-Semitic conspiracy theories in Poland are more likely to be held by authoritarians. Likewise, a study in the 1990s by Yelland and Stone found that authoritarians are more amenable to persuasion that the Holocaust was a hoax, orchestrated by a massive Jewish conspiracy. Viren Swami, a psychologist at the University of Westminster, has demonstrated that anti-Semitic conspiracy theories are associated with authoritarianism in a Malaysian sample as well. But there’s some evidence pointing the other way as well. In a separate study, Swami and his colleagues at the University of Westminster showed that 9/11 conspiracy beliefs are associated with negative attitudes toward authority, and John W. McHoskey found that people high in authoritarianism were more likely to be anti-conspiracist when it comes to the JFK assassination. So what’s going on here? It looks like the content of the theories is what matters. The research on the psychology of authoritarianism has long shown that authoritarians tend to derogate and scapegoat minorities, which seems to be what’s going on in a lot of these anti-Semitic cases: a minority is being blamed by the majority for the ills of society. Swami’s Malaysian study actually proposes that the anti-Semitism shown by the Malaysian respondents might be a proxy for anti-Chinese racist attitudes: there are very few Jews in Malaysia, so Malaysian authoritarians might displace their ethnic aggression from a relatively powerful and socially accepted minority group (Chinese) onto one that is almost non-existent in their society and so can be scapegoated without consequence (Jews). In contrast, a lot of modern conspiracy theories have a very populist and antigovernment tone. They blame authorities for the evils of society, not minorities – the American government blew up the Twin Towers, MI6 killed Princess Diana, and so on. So it makes sense that authoritarians would be less likely to believe that their governments are conspiring against them and anti-authoritarians would find this idea more appealing. There’s no uniform association between authoritarianism and conspiracy belief – it seems to depend on the specifics of the theory in question.

Scapegoat, ovvero scaricabarile. De-responsabilizzare psicologicamente se stessi caricando qualsiasi colpa sulle spalle di un capro espiatorio.
Riassunto del tutto: la correlazione tra complottismo e povertà non è abbastanza consistente da poter essere indicata come la principale, sia per ciò che emerge dai risultati esistenti, sia perché mancano ancora studi in materia, e, allo stesso tempo, non c’è una correlazione solida quanto ci si aspetterebbe con l’istruzione.
C’è invece una correlazione ormai provata tra complottismo e varie attitudini psicologiche individuali, tra le quali emergono soprattutto alienazione, “scapegoatism” aka scaricabarile, senso di impotenza, sfiducia nel mainstream (e quindi anche nelle istituzioni) di qualsiasi tipo.
Ipotesi mia finale: da questo si può ipotizzare che un paese come l’Italia, nel quale indoli come scaricabarile e sfiducia sono diffuse, e il declino (che la nostra pessima classe giornalistica si ostina ancora a chiamare “crisi”, ma questo è un altro discorso) è manifesto ovunque da troppi anni, produca più complottismo di, ad esempio, un paese con meno benessere ma avviato verso lo sviluppo, in cui i cittadini hanno iniziato ad avere fiducia nelle istituzioni perché stanno funzionando.
Il dubbio che resta è di essere nel pieno di un circolo vizioso: le persone che tendono ad avere tali qualità negative, e dunque credere ai complotti, magari lo fanno solo per via di una proiezione sul prossimo di ciò che (consciamente o meno) “sanno” di loro stesse, ma ciò significa anche che, se tali persone ne avranno la possibilità, costruiranno o popoleranno istituzioni disfunzionali che avranno l’effetto di propagare una sfiducia verso le stesse sul resto della popolazione, e dunque a loro volta alimentare i sentimenti che danno vita ai complottismi.

Advertisements

2 Risposte to “Il complottismo non ha un colore, ma forse ha una causa”

  1. Molto interessante, grazie per l’articolo.
    Spesso penso al perchè ci siano complotti.
    E penso ci sia una forte stigmatizzazione dei complottisti, spiego pù in basso.

    Recentemente ho pensato ad un fattore che potrebbe influenzare il proprio pensiero nei confronti dei complotti.
    Penso che elevate conoscenze storiche possano essere positivamente (perlomeno) associate a tendenze complottistiche.
    In fondo la storia intera è permeata di “complotti” (tu fai l’esempio delle politiche che hanno portato all’anti-semitismo, se ho ben capito) che possono essere semplicemente intesi come il risultato di azioni lobbistiche.
    Cioè, non si tratta nella maggior parte dei casi (credo) di un gruppo dei persone disparate che si raggruppa in una segretissima camera buia, tutte vestite con maschere e mantello, che si fregano le mani e fanno sacrifici di sangue. Questo pensiero causa una certa stigmatizzazione dei “complottisti.”
    In realtà, penso che le situazioni in cui i “complotti” vengano prodotti siano molto più sobri, spesso tacit (e.g., tipo un classico caso trovato sui manuali di introduzione alla teoria dei giochi o microeconomia intermedia, quando compagnie aeree si accordano tacitamente nel mantenere prezzi elevati per mezzo di segnali di prezzo).

    Sicuramente ci son tanti fattori, secondo me le conoscenze storiche sono uno di quelli.

    • StepTb said

      È un punto preso in considerazione dagli studi sul complottismo. Per questi motivi nei poll linkati nel post le domande sono state formulate con attenzione e riferendosi a teorie del complotto precise, e avere quindi qualcosa di concreto da cui partire. Approcci o domande generiche non porterebbero a nulla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: