StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

Archive for the ‘generic stuff’ Category

Who is the richest person alive right now?

Posted by StepTb su settembre 27, 2017

I agree with Jasmin Bataille’s analysis.
Not to mention all the other natural resources other than oil that Russia is full of.
Putin de facto has strategic control over the entire national economy, which at 1283 billion US dollars constitutes the 2.07% of the entire world’s economy, and rule of law doesn’t apply to him (and others).
Even Saudi Arabia, at 646 billions and without a single person having a comparable position, is no match.
Charts like the one by Forbes only estimate wealth obtained via the very well defined set of rules of current US free market capitalism, they’re useless once you move away from that. You can’t use those formulas to compute how much wealth public sector (or crony private sector) figures de facto control in countries with a non-liberal, non-free market (by the western/US definition) system.

Annunci

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Is there scientific consensus on social media being echo chambers? Whenever I see the expression used, the author seems to imply it’s an established fact

Posted by StepTb su settembre 22, 2017

No. Even if the “echo chambers theory” gets cited by politicians and journalists as if it’s a fact (because it provides a simple way for those two groups to explain phenomena and justify personal stances), in reality there isn’t a real scientific consensus on it.

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/jcom.12315/full doesn’t find evidence of a worse fragmentation pattern in online media relative to offline, as well as of the existence of filter bubbles, in the 6 selected developed countries.

https://www.researchgate.net/publication/227747056_Politically_Motivated_Reinforcement_Seeking_Reframing_the_Selective_Exposure_Debate doesn’t find empirical evidence of the “selective exposure” concept as formulated by the EC theory defenders, who say reinforcement seeking and challenge avoidance are strictly related; it finds, instead, that the trend seems to follow the first one without following the second one (which would be the real dangerous one of the two),

Another study here: http://journals.sagepub.com/doi/abs/10.1177/0267323117695734

And another one here: New theory, old problem (EC theory fails to replicate)

Here’s another one, specific to politics: Epistemic Factors in Selective Exposure and Political Misperceptions on the Right and Left

And here’s another one: Exposure to Political Disagreement in Social Media Versus Face-to-Face and Anonymous Online Settings (the perception of political conflicts increases on social media instead of decreasing, ergo social media don’t work as filter bubbles)

And here’s another one, observing the last USA presidential elections: Helping populism win? Social media use, filter bubbles, and support for populist presidential candidates in the 2016 US election campaign

Another network analysis paper with a focus on Australia can be found here: http://snurb.info/files/2017/Echo%20Chamber.pdf

In general, the negative feelings seem to derive from an idealized view of the offline world. If you think about it, for a person it’s on average way easier to build a customized bubble in his or her offline life. Just take into consideration the daily lives of people once you eliminate interaction with media: they’re exposed to the same social circle, the same workplace, they go to the same places, etc. Social media are relatively more unpredictable, and even if you try to build your own personal bubble (mimicking the regular behavior humans exhibit offline), you’ll have actually more chances to come across new trends and diverging content.

Another interesting point: some decades ago, another version of the EC theory was formulated for what we now call ‘traditional media’. McGuire, one of the pioneers of psychology applied to political science, wrote that the first part of that theory (seeking ideas that reinforce your own ideas) had found some relative validation, while the second part (avoiding different opinions) never got proven.
It’s curious to observe how some people have taken, and shaken the dust off, the same exact theoretical framework, but this time for new media.

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Why does Poland have such a low birth rate?

Posted by StepTb su settembre 14, 2017

It really seems to be a bit of a puzzle, when you look at the numbers: Poland | Economic Indicators

  • Poland has experienced a stable economic growth for many years
  • The trend in wages growth has always remained positive
  • The unemployment rate, at 7%, has never been so low since the 1990s, and it will probably go down even further in the next years
  • The youth unemployment rate was very high in 1998–2004, but then went rapidly down (the Visegrád Group joined the EU in 2004), went up again a bit after the 2008 crisis, and then went down again and it’s now at a sustainable 15%
  • It should be therefore safe to say that people in Poland don’t have many reasons to hold a bleak/pessimistic view of the future, which instead can explain the <1.5 birth rate of other countries (Greece, Italy)
  • On top of all that, Poland is also a homogeneous and religious country, with 94.30 % of its citizens identifying as Christians – which is a trait positively correlated with high birth rates

Why then does Poland have one of the lowest birth rates in the world, at 1.2–1.3?

I suspect it’s another good example of reality not matching the model’s predictions – at least if you use simplistic models with simplistic assumptions.

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Why do intelligent people end up being lonely in life?

Posted by StepTb su settembre 3, 2017

I can come up with two explanations.

1. Being very different than the average (in any trait, really) means that, unless you’re one of the lucky ones, most things around you don’t satisfy you, since they weren’t built “for you” (or people like you). This will make you change your environment due to dissatisfaction and lack of sense of belonging at a certain point, and move somewhere else. And this, in turn, will basically kill the social environment you were a part of before the change; like expats and refugees, you’ll have to start a new life from scratch. And, as everyone knows, the older you get the harder it is to build a social circle – it’s easy to end up being lonely no matter your efforts.

2. Having a remarkable talent usually comes with a curse: the realization you’re also wasting it. This makes you visualize bigger goals and work more, because you’re driven by the fear of wasting your potential.
In the case of highly intelligent people, this translates into utilizing your abilities to solve complex problems. But working on hard stuff, of course, implies sacrificing most (if not all) of your time to study in depth a field, then an area of specialization, and finally hypothesizing and developing possible solutions through trial and error.
In the meantime, the people around you will go on with their lives. You’ll basically disappear from their lives, and the overall divide between you and them will increasingly grow – at a certain point, even having a casual conversation will become difficult, for the lack of common ground. Other people don’t put studying and working 24/7 before social relationships and communities, and will think you’re strange, and possibly unlikable or disagreeable, for doing it. So, at the end of the day, you’ll both end up with what you aimed for: social relationships for them, expertise and loneliness for you.

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

In what country is High School the hardest?

Posted by StepTb su settembre 18, 2016

(Titoli alternativi:
– Alle superiori in Ita si studia “troppo poco”: uhm, davvero?
– Siamo pigri, dobbiamo fare come gli asiatici che invece a scuola si fanno il mazzo. O forse no…
– Bla bla vari su stakanovismo studenti non-Ita o riforme scuola Ita che mancano totalmente il punto)

To answer, I think we should take into account three metrics:
1. How much time you need to spend in class
2. How much time you need to spend doing homework
3. The material’s difficulty level

I don’t know about 3, but we can find an answer to 2 here: Homework around the world: how much is too much?

China (Shanghai) dominates the chart, with 14 hours/week, followed by Russian Federation (10), Singapore (9.5), Kazakhstan and Italy (9).
All the other countries are below 7.5, with most of them around 5. US, Hong Kong and Australia are around 6.
At the bottom of the chart, we can find the students from Finland, Korea and Czech Republic, who spend an average of 3 hours/week.
Poland also scores relatively high (6.6). Canada, Netherlands and France are around average. Israel, Austria and Denmark are below average. Sweden, Argentina, Chile and Japan are near the bottom.

As for 1, some OECD data about “average number of hours per year of total compulsory instruction time” can be found here.

For “Age 15 – typical programme”, the countries surpassing 1000 hours/year are Austria, France, Italy, Korea, Mexico, Netherlands and Spain.
China has only 750 (most likely evening lessons are counted as tutoring/private study, hence why they top the other chart but not this one).
Finland 856, Russia 912, Czech Republic 950.
Poland, Chile, Greece, Hungary and Sweden are at the bottom, with less than 700 h/y.
US hours vary a lot between different States, but, judging from this, it seems they’re around 950–1000 on average.
I couldn’t find data for Kazakhstan, Hong Kong and Singapore.

In another chart, Education resources – Teaching hours – OECD Data, “teaching hours” in “upper secondary” education, the countries at the bottom are Denmark, Greece, Russia, Japan, Norway, Iceland, Finland, Korea (contradicting the other data), Israel and Poland.
Italy and France here are around the OECD average.
Argentina, Chile (contradicting the other data), Mexico, Australia, New Zealand, Canada and Netherlands top the chart.

Korea, the current #1 performer in nearly every international assessment, seems less demanding and more balanced than both China and Italy.
Singapore, another top performer, is likely very demanding, near the Chinese level.
Japan, another top performer, seems on the other hand less demanding than all four.
Finland, another regular top performer, is instead much more relaxed and less demanding not just than all the other five, but even than the OECD average.
Poland, Netherlands, Russia and Canada seem all fairly demanding, with above average demands correlated to top results. Hong Kong is probably the same.
Israel, Denmark and Czech Republic seem to be highly efficient (even if less than Japan and Finland), producing more than what they demand.
Italy strikes as highly inefficient: it demands top commitment and dedication from students, but it doesn’t top charts.
The examples of, above all, Italy, Japan and Finland, suggest that making school ‘hard’ and making it ‘efficient’ are two different things.

Now, some observations on #3 and Italy:
In the Italian case, the only type of institute being equally demanding in both Humanities+Philosophy and Science+Math areas is the so-called Liceo Scientifico (Science High School).
Plus, difficulty varies a lot on a regional/local basis, with some regions like Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia-Giulia being particularly hard on students, and many others being softer (see Quant’è generosa o severa la tua scuola superiore alla maturità? and Maturità, la geografia dei voti racconta un Paese diviso).
Probably, at the end of the day, Iocal differences weigh more than the institute’s type, and a good HS in the 5–6 ‘hard’ regions is still hard.

A final consideration on the Italian case:
Not many people know Italian HS actually demands top commitment both in lessons hours/year and in homework hours/week when compared to the rest of the world (points #1 and #2).
The material’s difficulty and teacher’s strictness (point #3) are two metrics that vary a lot between regions and institutes, especially in the Italian case. If we take into account this big internal heterogeneity (that can help us understand why the national system as a whole isn’t a top performer, even if it’s not enough) and we add it to the previous observation, it means the ‘hard’ regions (Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia-Giulia, Liguria, Piemonte, Veneto – more or less in this exact order) and the ‘hard’ institutes are actually *really* hard.
Conclusion: if you attended an Italian Liceo Scientifico in one of the ‘hard’ regions, you attended one of the hardest and most demanding high schools in the world.

Posted in food for thought, generic stuff | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Il complottismo non ha un colore, ma forse ha una causa

Posted by StepTb su aprile 25, 2015

Post sul complottismo che mi tenevo in canna da un po’ di mesi.

Colgo l’occasione perché non molto fa è uscito un articolo su Scientific American (link) che ricorda tre dati a proposito delle tendenza a credere alle teorie del complotto.

1) “Surveys by Uscinski and Parent show that believers in conspiracies “cut across gender, age, race, income, political affiliation, educational level, and occupational status.” People on both the political left and right, for example, believe in conspiracies roughly equally, although each finds different cabals.

Come hanno confermato vari poll e studi prima di questo, il complottismo non è né di destra, né di sinistra.
Qui userò l’aneddotica: come chiunque capace di ragionare, anche a me capitò, appena iniziato a capire cosa fosse la politica, di imbattermi nel “pensiero” estremista di un colore e dell’altro, e di riconoscerlo in entrambi i casi come imbecille ad essere generosi. Ciò che non focalizzavo ancora bene era il fatto che entrambi utilizzassero della retorica complottista per portare avanti le proprie tesi – questo perché ho scoperto cosa effettivamente fossero i complottisti solamente una volta avuta l’ADSL e finito per sbaglio nel pozzo online delle paranoie in libertà di cui prima ignoravo l’esistenza.
Tuttavia, nel frequente caso in cui il grosso degli anni giovanili venga passato in ambienti saturi di litania anti-USA, anti-Israele e anti-“sistema”, ci si può facilmente convincere che ormai, in quest’epoca post-WWII e post-68, il complottismo abbia trovato casa per l’appunto nel pensiero sessantottino del “fight the system” e bla bla; tale è stata per un certo periodo anche la mia sensazione. Un confronto, anni dopo, con utenti americani, mi ha svelato che, ironicamente, nel Nuovo Continente il complottismo viene al contrario visto come “di destra”, a causa del loro peculiare assetto politico in cui la dx (che sia conservatrice o libertarian) non è mai dx sociale, ma sempre contraria alle politiche stataliste, e quindi è la dx quella ad essere scettica e, nei casi estremi, paranoica nei confronti del “sistema”. Ma anche la loro sx è mobile, e abbraccia con disinvoltura aperture complottiste nel momento in cui le fa più comodo (dal noto esempio dell’omicidio JFK a tutte le paranoie contro le corporation, non ultime quelle sulla Monsanto e su tutti gli OGM).
La prova empirica di quest’assenza di colore, nel nostro panorama nazionale, è stata data dall’entrata nell’arena politica del M5S; costruito su più basi sedimentate (il seme originario può essere individuato negli spettacoli grilleschi anni ’90), sfruttando un’onda lunga di sentimenti antisistema, non s’è fatto scrupoli ad accogliere e far leva a livelli diversi su complottismi d’ogni genere (1, 2, 3, 4), e, allo stesso tempo, ha pescato a strascico lungo tutto l’asse da dx a sx.
A distanza di tempo, appare evidente come le ideologie estremiste poggino le proprie basi su complottismi più o meno celati: per essere estremisti, costoro necessitano di prendere una posizione manichea secondo cui “l’altro” è il nemico assoluto che li opprime, mentre ammettere proprie colpe e mancanze finirebbe inevitabilmente per trasformare il bianco/nero in una scala di grigi, e dunque ricadere verso posizioni centriste.
Più o meno celati, perché spesso il ragionamento complottista si annida dietro talmente tanti strati di retorica che può diventare difficile riconoscerlo come tale. Un caso che non può più essere celato, perché la Storia ce l’ha consegnato già analizzato e sviscerato, è quello del filone antisemita che culminò nel periodo nefasto cui resterà indissolubilmente legato. Un caso molto più insidioso, perché nascosto dietro problemi sociali realistici e al ricatto morale del politicamente corretto, è quello, tipicamente di sinistra, del dividere la popolazione in gruppi identitari a cui rivolgersi politicamente e ai quali vendere il concetto (complottista) secondo cui ogni loro problema è causa di un altro gruppo identitario, stavolta di maggioranza, che li ha sempre oppressi – ignorando platealmente il fatto storico che, lungo il corso del tempo, anche in quella stessa maggioranza il potere è sempre rimasto nelle mani di una minuscola élite.
E infatti,

2) “Group identity is also a factor. African-Americans are more likely to believe that the CIA planted crack cocaine in inner-city neighborhoods. White Americans are more likely to believe that the government is conspiring to tax the rich to support welfare queens and turn the country into a socialist utopia.

3) Infine, “42 percent of those without a high school diploma are high in conspiratorial predispositions, compared with 23 percent with postgraduate degrees.
– Come mostrano i dati, la variabile dell’educazione da sola non basta a spiegare la tendenza al complottismo: nonostante si rilevi una riduzione, quasi un quarto di chi possiede titoli superiori alla laurea triennale ne risulta ancora non immune.
Potrebbe quindi essere spiegata col benessere economico? Pare di no (vedi più sotto).
Io ho una teoria su quale sia il fattore principale, che ho dedotto da una ricerca sul web in cui ho confrontato varie fonti.

http://www.publicpolicypolling.com/pdf/2011/PPP_Release_National_ConspiracyTheories_040213.pdf
La prima pagina riassume un po’ tutto il discorso di poc’anzi. C’è una distribuzione equa di chi crede ai complotti, che varia grandemente a seconda di come viene formulata la domanda (non essendoci una definizione universale di cosa sia esattamente un complotto, la formulazione della domanda può contenere questo o quell’altro bias e variare di molto il risultato), ma anche del tipo di complotto (NWO e global warming schiaccianti tra i repubblicani, e invece pari sulla guerra in Iraq).

911worldopinionpoll_Sep2008
World poll sul 9/11, condotto nel 2008. Nigeria e Kenya figurano meno complottiste dell’Italia.

A cui va aggiunto http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1467-9760.2008.00325.x/abstract
Si legge solo l’inizio, ma riporta che nel 2006 il 22% dei canadesi credeva al 9/11 come complotto attuato dagli stessi americani. Più della media mondiale, e di varie nazioni nettamente più povere, di due anni dopo.

http://www.911truth.org/images/ZogbyPoll2007.pdf
Poll sul 9/11, la correlazione dell’income non è evidente. Si abbassa e poi si alza quando si passa alla fascia di reddito più alta. Quindi nemmeno la variabile del reddito basta a spiegare la tendenza al complottismo.

http://www.aei.org/files/2013/11/06/-public-opinion-on-conspiracy-theories_181649218739.pdf
Vari poll condotti nel tempo. Pochissimi considerano la variabile income, ma, dove c’è, mostra variazioni di pochi punti. La variabile dell’istruzione ne mostra di più, ma ci si aspetterebbe maggiori variazioni, soprattutto tra high school e college. Il dato ricorrente è di nuovo che, pare, siano equamente distribuiti demograficamente e politicamente, e che varino a seconda del tipo di complotto. Ad esempio, il complotto sull’assassinio di King vince nettamente tra le minoranze etniche e i democratici.
Nelle loro parole:
We don’t find compelling evidence from the data in this document that particular demographic groups are susceptible to a belief in conspiracy theories. It depends on the theory. Middle-aged Americans are more likely to believe in the JFK assassination conspiracy than older or younger ones. Young people and Democrats are most likely to subscribe to conspiracy theories about 9/11. Women are more likely to believe foul play was involved in Princess Diana’s death. While the demographic data presented here are by no means exhaustive, we’re hesitant to endorse what much of the literature concludes – that the young and less educated are more prone to conspiratorial instincts.
– Quindi sia il loro risultato, sia quello più diffuso, mostrano come correlazioni principali delle altre rispetto alla povertà.

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.2044-8309.2010.02018.x/abstract
Studio che mostra come ci sia una correlazione tra un tipo di personalità machiavellica e la credenza ai complotti. Chi crede ai complotti, è probabile ne farebbe uno.

http://www.psypag.co.uk/wp-content/uploads/2013/09/Issue-88.pdf
Compendio di vari studi. Alle pp. 8-9 elenca la serie di correlazioni finora emerse da essi: bias cognitivi, alti livelli di rifiuto delle norme sociali, autoritarismo, sensazione di impotenza, basso self-esteem, bassa fiducia, cattivo carattere, alti livelli di cinismo politico. Conclude sostenendo ci siano vari meccanismi sia cognitivi che sociali in gioco, e che, per ora, oltre alle correlazioni trovate, gli studi siano ad uno stadio troppo precoce per avventurarsi nell’individuare quali siano invece le cause.
Alle pp. 23-24, parlando della possibile ma in realtà sfuggente correlazione tra complottismo e autoritarismo, secondo me c’è il passaggio che riassume tutto:

Several studies by Monika Grzesiak-Feldman have shown that anti-Semitic conspiracy theories in Poland are more likely to be held by authoritarians. Likewise, a study in the 1990s by Yelland and Stone found that authoritarians are more amenable to persuasion that the Holocaust was a hoax, orchestrated by a massive Jewish conspiracy. Viren Swami, a psychologist at the University of Westminster, has demonstrated that anti-Semitic conspiracy theories are associated with authoritarianism in a Malaysian sample as well. But there’s some evidence pointing the other way as well. In a separate study, Swami and his colleagues at the University of Westminster showed that 9/11 conspiracy beliefs are associated with negative attitudes toward authority, and John W. McHoskey found that people high in authoritarianism were more likely to be anti-conspiracist when it comes to the JFK assassination. So what’s going on here? It looks like the content of the theories is what matters. The research on the psychology of authoritarianism has long shown that authoritarians tend to derogate and scapegoat minorities, which seems to be what’s going on in a lot of these anti-Semitic cases: a minority is being blamed by the majority for the ills of society. Swami’s Malaysian study actually proposes that the anti-Semitism shown by the Malaysian respondents might be a proxy for anti-Chinese racist attitudes: there are very few Jews in Malaysia, so Malaysian authoritarians might displace their ethnic aggression from a relatively powerful and socially accepted minority group (Chinese) onto one that is almost non-existent in their society and so can be scapegoated without consequence (Jews). In contrast, a lot of modern conspiracy theories have a very populist and antigovernment tone. They blame authorities for the evils of society, not minorities – the American government blew up the Twin Towers, MI6 killed Princess Diana, and so on. So it makes sense that authoritarians would be less likely to believe that their governments are conspiring against them and anti-authoritarians would find this idea more appealing. There’s no uniform association between authoritarianism and conspiracy belief – it seems to depend on the specifics of the theory in question.

Scapegoat, ovvero scaricabarile. De-responsabilizzare psicologicamente se stessi caricando qualsiasi colpa sulle spalle di un capro espiatorio.
Riassunto del tutto: la correlazione tra complottismo e povertà non è abbastanza consistente da poter essere indicata come la principale, sia per ciò che emerge dai risultati esistenti, sia perché mancano ancora studi in materia, e, allo stesso tempo, non c’è una correlazione solida quanto ci si aspetterebbe con l’istruzione.
C’è invece una correlazione ormai provata tra complottismo e varie attitudini psicologiche individuali, tra le quali emergono soprattutto alienazione, “scapegoatism” aka scaricabarile, senso di impotenza, sfiducia nel mainstream (e quindi anche nelle istituzioni) di qualsiasi tipo.
Ipotesi mia finale: da questo si può ipotizzare che un paese come l’Italia, nel quale indoli come scaricabarile e sfiducia sono diffuse, e il declino (che la nostra pessima classe giornalistica si ostina ancora a chiamare “crisi”, ma questo è un altro discorso) è manifesto ovunque da troppi anni, produca più complottismo di, ad esempio, un paese con meno benessere ma avviato verso lo sviluppo, in cui i cittadini hanno iniziato ad avere fiducia nelle istituzioni perché stanno funzionando.
Il dubbio che resta è di essere nel pieno di un circolo vizioso: le persone che tendono ad avere tali qualità negative, e dunque credere ai complotti, magari lo fanno solo per via di una proiezione sul prossimo di ciò che (consciamente o meno) “sanno” di loro stesse, ma ciò significa anche che, se tali persone ne avranno la possibilità, costruiranno o popoleranno istituzioni disfunzionali che avranno l’effetto di propagare una sfiducia verso le stesse sul resto della popolazione, e dunque a loro volta alimentare i sentimenti che danno vita ai complottismi.

Posted in food for thought, generic stuff | Contrassegnato da tag: | 2 Comments »

Quote of the Day

Posted by StepTb su gennaio 9, 2015

« Nonostante la mia venerazione per la scienza, non sono uno scientista. Perché uno scientista crede dogmaticamente nell’autorità della scienza mentre io non credo in nessuna autorità ed ho sempre avversato il dogmatismo, e ancora ovunque lo avverso, soprattutto nella scienza.
Sono contrario alla tesi secondo la quale lo scienziato deve credere alla sua teoria. Per quanto mi riguarda, I do not believe in belief, come dice E. M. Foster; in particolare non credo nella scienza. Credo al massimo alla fede nell’etica, e anche lì solo in pochi casi. Credo, ad esempio, che la verità oggettiva sia un valore, dunque un valore etico, forse addirittura il più alto valore, e che la malvagità sia il massimo non-valore. »

– Karl R. Popper, in Alla ricerca di un mondo migliore: conferenze e saggi di trent’anni di attività

Posted in books, food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Distopie generazionali

Posted by StepTb su novembre 6, 2014

Non si contano le opere che trattano di distopie. Ciascuna di tali opere, tuttavia, non è riuscita ad anticipare correttamente i reali svolgimenti futuri, e ciò perché le suggestioni distopiche sono strettamente connesse alla situazione presente e passata in cui vengono immaginate, più che a visioni del futuro.
La chiave per capire la nascita delle distopie non sta nell’immaginarsi un futuro che progressivamente diventa sempre più minaccioso perché tale è la direzione naturale degli eventi, ma nel realizzare come sia una cristallizzazione del passato e/o del presente, resistente ai cambiamenti naturali del contesto, a costruire anno dopo anno quello che sarà un futuro nero.
Nell’immaginare le distopie, le fiction partono da un punto nella storia in cui il sistema distopico è già affermato, e una generazione intera si trova nata in un mondo già precipitato; ciò perché ogni distopia nasce come utopia. Il futuro distopico non arriva per progressione naturale della storia: ogni generazione cercherà di perseguire la propria felicità, perciò non finirà mai per mettere in piedi un sistema contrario agli interessi della propria maggioranza.

La distopia si crea perché un dato gruppo, in un dato periodo, vuole creare un’utopia per se stesso. La conseguenza è che il monopolio che così va a crearsi scombina gli equilibri e mantiene i privilegi da una parte della bilancia nonostante tempi e contesti cambino, e dunque chi nasce successivamente a tale cristallizzazione subisce un destino via via peggiore. Una volta che un modello mentale utopistico prende il potere, man mano che i tempi e le circostanze cambieranno esso si rivelerà anno dopo anno sempre più obsoleto: se, durante tale periodo, reagirà stringendosi e solidificandosi nel proprio monopolio invece di adattarsi o cedere, il futuro sarà inevitabilmente quello di una distopia, che finirà per crollare rovinosamente dopo essersi divorata le 2-3-4 generazioni successive.

Non c’è quindi da stupirsi se la generazione più utopistica del dopoguerra, quella dei baby boomers, sia stata anche quella ad aver creato il più sbilanciato sistema di privilegi per se stessa, cristallizzando il proprio presente a spese delle generazioni future, che si trovano a doverne pagare gli errori (tra cui i debiti da essi contratti). Ciò è accaduto in tutto il mondo occidentale, ma in alcuni paesi, come il nostro, per mancanza di un sistema di regole chiaro, efficiente, capace di assorbire ed adattarsi automaticamente ai cambiamenti, e allo stesso tempo con indicatori demografici via via peggiorati, le conseguenze sono state disastrose. Il fatto che si sia creata la famosa “casta” parlamentare è solo la punta dell’iceberg: fuori dalle luci dei riflettori ci sono decine di altre caste create dalla stessa generazione.
Voler dialogare con quella generazione per ridisegnare il sistema è inutile, dal momento che, dopo tutto l’investimento messo nella propria causa, ora essa non è capace di capire lo sbilanciamento che ha creato per chi è venuto dopo. Guardare la realtà dei fatti e realizzare come stiano effettivamente le cose significherebbe per loro dover ripudiare almeno parzialmente l’utopia che li ha guidati, e quindi l’idea di aver fatto bene, di aver combattuto cause giuste e di aver messo in piedi un sistema migliore del precedente. Peccato che su tali idee sia fondata la loro identità generazionale, quindi non ci si può aspettare alcuna comprensione.

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Fuffa d’arcangelo

Posted by StepTb su ottobre 10, 2013

9 ottobre, commenti al rapporto OCSE http://skills.oecd.org/OECD_Skills_Outlook_2013.pdf a confronto.

Boeri su Repubblica: “Questo permette anche di misurare lo spreco di capitale umano. Da noi è macroscopico: con un tasso di disoccupazione giovanile al quaranta per cento, i punteggi dei giovani sono sistematicamente più alti di quelli del resto della popolazione e spesso in modo consistente, cosa peraltro non vera in tutti i paesi (ad esempio non è così in Norvegia, Danimarca, Regno Unito, Giappone e Stati Uniti). […] I disoccupati e le persone inattive, a differenza che in altri paesi, non sono meno competenti di chi lavora. Le donne disoccupate hanno addirittura punteggi migliori sia nelle competenze matematiche che in quelle linguistiche non solo dei disoccupati di sesso maschile, ma anche di chi ha un lavoro e ha più di 55 anni. ”

Uriel: “Finalmente l’ OCSE ha detto cio’ che sostenevo da qualche tempo, ovvero che la stragrande maggioranza dei disoccupati italiani sono semplicemente inoccupabili, e per quanto si sbattano di fare, anche all’estero, non riusciranno mai a trovare un lavoro nel 2013.”

Posted in food for thought, generic stuff, news, web | Leave a Comment »

Global Democracy Ranking, 2012

Posted by StepTb su luglio 27, 2013

http://www.democracyranking.org/en/ranking.htm

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Librerie personali e web: una considerazione rapida

Posted by StepTb su luglio 15, 2013

Questa settimana la mia “libreria” (libri fisici, ebooks e prestiti bibliotecari, a occhio in rapporto 40/30/30) ha superato i 1000 titoli.
Le statistiche sono: 300 ancora da leggere, 300 consultati, 40 abbandonati (rivenduti o cestinati), i restanti in lettura o completati.
I numeri erano circa la metà solamente 4 anni fa, quando ho iniziato a contarli.
Se non fosse per Abebooks, Amazon, cataloghi online, e in casi rari eBay, solo negli ultimi 12 mesi avrei speso, a stima, più di 1000€ in libri invece dei circa 300€ effettivamente spesi (acquistando da Italia, Germania, UK e USA, con prezzo compreso di spedizione quasi sempre minore all’estero – anche nel caso di edizioni italiane, guarda un po’). E avrei conosciuto, letto e comprato 10 volte meno.
Ergo, chiunque parli male di internet e la tennologgìa d’oggi che fa chiudere le piccole librerie tradizionali di una volta e ci disumanizza e causa la grisidellìbbro che non si compra più eccetera eccetera sa già la risposta.

Posted in books, food for thought, generic stuff, logs, personal projects, web | 3 Comments »

Uno per tutti?

Posted by StepTb su luglio 2, 2013

Ci arrovelliamo tanto, ma forse il problema dell’Italia è tutto qui:

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Il pastone sbroc della domenica

Posted by StepTb su giugno 30, 2013

http://www.businessinsider.com/the-guardian-wayne-madsen-nsa-scoop-2013-6#ixzz2Xgh05aJk

«Some of Madsen’s controversial views include the belief that President Obama is secretly a homosexual and that the Boston bombing suspects were government agents. He’s also reported on a “former CIA agent” alleging the 2000 USS Cole bombing was perpetrated not by al Qaeda terrorists, but by a missile fired from an Israeli submarine.»

Ma figuriamoci se i nostri professionalissimi tiggì potrebbero mai dare le notizie come andrebbero date.

Posted in food for thought, generic stuff, news, web | Leave a Comment »

Clip of the Day

Posted by StepTb su maggio 1, 2013


Una storia italiana X.

Posted in clips, food for thought, generic stuff, news, video | Leave a Comment »

Una firma per una giusta causa

Posted by StepTb su marzo 6, 2013

Petizione per i diritti degli zombie in Resident Evil

http://firmiamo.it/petizione-per-i-diritti-degli-zombie-in-resident-evil


«Alla luce delle giuste rimostrazioni della PETA a favore dei diritti degli animali all’interno dei videogiochi [http://it.ibtimes.com/articles/44248/20130305/ac4-assassin-s-creed-4-black-flag-caccia-balena-peta.htm], ci proponiamo di espandere la campagna di sensibilizzazione verso una categoria ugualmente e vergognosamente ancora non coperta dal diritto, gli zombie.
Prendiamo spunto dalle condivisibili considerazioni dell’articolo di International Business Time come commento alla presa di posizione della PETA: “Se ci pensiamo bene, effettivamente, molto spesso i diritti degli animali vengono più volte calpestati all’interno dei videogiochi. È decisamente arrivato il momento che gli sviluppatori sfruttino il potentissimo mezzo videoludico a loro disposizione per sensibilizzare i giocatori anziché indurli al divertimento attraverso operazioni macabre e fini a se stesse, come la scuoiatura o la caccia“. Tali giustissime frasi disegnano tuttavia un panorama incompleto, giacché andrebbero estese ai diritti di tutti i personaggi che ricevono trattamenti indegni all’interno delle opere digitali di finzione; noi vorremmo, quindi, si partisse proprio dall’usanza che più di tutte incita comportamenti macabri e fini a se stessi, ovvero la violenza sanguinosa nei confronti dei poveri cittadini infetti nella saga Resident Evil.
Per favore, firmate ed aiutateci nell’opera di diffusione della causa.»

Grazie a chiunque vorrà contribuire.

Posted in food for thought, generic stuff, news | Leave a Comment »

Clips of the Day

Posted by StepTb su dicembre 25, 2012





Posted in clips, generic stuff, music | Leave a Comment »

Clip of the Day (& more)

Posted by StepTb su maggio 9, 2012



R.I.P. great MCA, your rhymes provided a soundtrack to my youth.

Posted in clips, generic stuff, music, news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Post rapido

Posted by StepTb su ottobre 31, 2011

Halloween è in realtà una festa americana, priva di veri collegamenti con la cultura italiana e le nostre radici, e come se non bastasse possiede aspetti tenebrosi, demoniaci, mortuari e orrorifici.

. . .

PROPRIO PER QUESTI MOTIVI è una figata.

Posted in clips, generic stuff, music, video | Leave a Comment »

Due linkz

Posted by StepTb su ottobre 17, 2011

1) Ellen Rogers, giovane e visionaria fotografa che è tra le poche ad avermi colpito davvero negli ultimi anni, ha giusto ieri aperto un account su Twitter. Per chi non la conoscesse già, ha anche da tempo un website personale e una pagina facebook.

2) Ha da poco aperto una nuova webzine in italiano dedicata al jazz, programmaticamente fuori dal coro (specie dal coro della critica nostrana), ovvero Free Fall Jazz, accompagnata anche da relativa pagina facebook. Ci collabora già I&I, e nei buchi di tempo cercherò di scriverci qualche pezzo anch’io, su album tendenti allo sperimentale e alla contaminazione. Feedate & spammate.

Posted in generic stuff, music, news, personal projects, web | Leave a Comment »

“How metal nerds choose what bands to like: a scientific model”

Posted by StepTb su luglio 12, 2011

http://www.metalsucks.net/2011/07/11/how-metal-nerds-choose-what-bands-to-like-a-scientific-model/

Pure gold.

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: