StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

Posts Tagged ‘finch’

Finch – Finch EP

Posted by StepTb su agosto 14, 2008

Independent release, 2008
EP

I Finch, una delle poche band post-hardcore/emo-core ad aver pubblicato un paio di meritevoli dischi tra il 2002 e il 2005, si riforma nel 2007 dopo quasi due anni di pausa.
Nel frattempo Doherty e Allen se ne sono andati, rimpiazzati da Drew Marcogliese (batteria e percussioni) e Daniel Wonacott (basso e seconda voce).
La prima nuova pubblicazione è un omonimo Finch EP, rilasciato il 22 luglio 2008 senza il supporto di alcuna label.
Il lavoro contiene 4 tracce (Daylight, Famine or Disease, From Hell e Chinese Organ Thieves) che aggiornano molto lievemente lo stile già sviscerato su Say Hello to Sunshine. I nuovi pezzi a tratti spingono sul pedale dellhardcore (la non troppo coinvolgente Daylight), altre volte accoppiano gli sperimentalismi chitarristici post-hardcore di Say Hello to Sunshine con melodie vocali alla Incubus (la catchy Famine or Disease), mentre il nuovo acquisto Marcogliese sorprende con pattern ritmici frenetici e imprevedibili (soprattutto in From Hell) e la composizione in generale raggiunge buoni livelli di contaminazione e sperimentazione (i 7 minuti e mezzo del post-hardcore Chinese Organ Thieves, capolavoro dellEP, sfumata continuamente con tocchi alla Mike Patton, ombre jazzate, dissonanze chitarristiche, climax di stratificazioni, effetti digitali).
Tuttavia i pezzi sono solamente 4, e forse sarebbero diventati B-side ai tempi di Say Hello to Sunshine. Meglio attendere un vero full-length per valutare quanto il ritorno della band possa essere trascurabile o al contrario scintillante.
Barcalow dovrebbe smetterla di tentare di imitare Brandon Boyd e Mike Patton, e trovarsi un proprio vero stile vocale (ai tempi di What Is to Burn, ad esempio, suonava decisamente più personale).

6/10

Posted in music | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Finch – Say Hello to Sunshine

Posted by StepTb su settembre 4, 2005

(Drive-Thru/Geffen, 2005)
Album

A causa di tensioni con la casa discografica, i Finch devono dire addio sia al producer Mark Trombino, sia al drummer Pappas, rimpiazzato da Marc Allen.
Esce così nel 2005 il secondo capitolo della band, intitolato Say Hello To Sunshine, e volutamente rilasciato nei p2p dalla band stessa prima delluscita discografica.
La maturazione stilistica del gruppo è evidente fin dalle prime note; difatti il quintetto ha abbandonato del tutto gli stilemi emo (tranne che nella trascurabile A Piece of Mind), pur continuando a suonare sostanzialmente un pop-punk molto ricercato, e ha evidentemente assorbito influenze da artisti più sperimentali (nel CD sono presenti perfino sventagliate prog).
Per quanto riguarda le sonorità complessive, la band suona un po come la versione pop-punk dellhardcore sperimentale degli ultimi Refused.
Ma, soprattutto, limpronta di Mike Patton è riconoscibile un po in tutte le tracce, specie nei vocalizzi di Barcalow, e questo è il grosso difetto dellalbum. Un ascoltatore che conosca lo stile di Patton non può fare a meno di riconoscere le troppo forti influenze in pezzi come Insomniatic Meat e Ink (che sembrano una versione hardcore del sound di
The Real Thing), o di tracce più violente come Reduced To Teeth e Ravenous (che sembrano uscite da King for A Day).
I pezzi Brother Bleed Brother e Miro sembrano invece repertorio degli Incubus.

Molto più personali piuttosto tracce come lottima A Man Alone, in bilico tra quiete e hardcore rockeggiante, le esplosioni devastanti di Revelation Song, la potente e melodicamente ondeggiante Bitemarks and Bloodstains, la folle The Casket of Roderick Usher, la sperimentale e molto bella Dreams of Psilocybin.
Peccato che gli episodi migliori e più freschi si debbano trovare quasi tutti alla fine, e peccato anche che le idee senzaltro buone della band vengano contaminate da questa eccessiva ricerca di influenze Pattoniane. Il gruppo si piazza dunque fra le fila di coloro che cercano il successo tramite una rilettura delle idee già avute dal buon Mike, come ad esempio anche Incubus e Lostprophets (e idealmente, in termini di creatività e freschezza sonora, i Finch sono un gradino sotto ai primi ma almeno un gradino sopra ai secondi).
Purtroppo la band annuncerà lo scioglimento appena un anno più tardi, e tutti i componenti continueranno a suonare in altri progetti.


6.5/10

Posted in music | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: