StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

Posts Tagged ‘otep’

Otep – Smash the Control Machine

Posted by StepTb su settembre 1, 2009

(Victory – 2009)
Album

Cosè cambiato in casa Otep dal precedente The Ascension? Semplice, la band è passata alla label Victory e ha ripreso in line-up il chitarrista Rob Patterson e il batterista Mark "Moke" Bistany, già colonne portanti di Sevas Tra, debutto e capolavoro della band.
Arriva quindi inevitabile un cambiamento nel sound, che con il precedente disco si era improvvisamente spento in unauto-imitazione dalla minor efferatezza, freschezza e passione: con Smash the Control Machine prendono ancora più piede i momenti melodici rispetto ai momenti metal (con forse disapprovazione del loro pubblico tipico), forse per venire incontro al catalogo della nuova label o forse per una semplice maturazione anagrafica dei membri, ma contrariamente alle aspettative le dosi di violenza psicologica e di "groove" aumentano.

Dopo un paio di parentesi ricalcanti in troppi momenti il sound degli Slipknot, gli Otep riscoprono ora i loro primi padrini Korn e Mudvayne non spingendo più tanto sulle ritmiche martellanti e sui growl quanto sullangoscia e sulle atmosfere thriller.
Chiara dimostrazione ne sono pezzi come Numb & Dumb, aperta da una scarica di furia metal che si spegne immediatamente nelle strofe inquietanti recitate a denti stretti, prima di un chorus abrasivo a metà strada tra il grunge dei Nirvana e il thrash, per far esplodere la tensione metal solo nella coda finale; strutture simili sono un lusso se paragonate ai pezzi più metal e più monotoni dei precedenti album.
La frenetica opener Rise, Rebel, Resist pare invece, assieme a Run for Cover, u
n nostalgico tuffo nei vecchi rapcore gotici e urlati alla Sevas Tra, se non fosse per la violenza in confronto edulcorata, che però torna anchessa in nuova veste nelle successive Sweet Tooth, Head (detonata da unepica progressione armonica che sfocia da strofe in continua tensione), Oh, So Surreal (con un classico climax psicotico e unesplosione di ritmiche schizoidi in coda), Serv Asat (altro anagramma di "art saves" e quindi altro esplicito rimando al primo periodo del gruppo) e Unveiled (dallaggressività straziata come negli episodi migliori di House of Secrets).
La title-track provvede a convogliare un catchy rapcore politicizzato con piglio hardcore e voce alla Guano Apes, ma la vena "poetica" maledetta tipica della Shamaya ha piuttosto modo di sfogarsi nei cupi psicodrammi Kisses & Kerosene e Where the River Ends (quasi sicuramente il capolavoro dellalbum, anche se debitore a iosa dalle tracce lunghe dei precedenti dischi), oltre che nella traccia nascosta I Remember, queste ultime due sugli 8 minuti a testa.
Uninaspettata ballad melodica dal titolo UR A WMN NOW (con guest di Emilie Autumn al violino e Koichi Fukuda degli Static-X al pianoforte), oltre a presentare momenti emotivi assolutamente più convincenti e personali rispetto alla mediocre ballad Perfectly Flawed del precedente album, sembra dimostrare che in fin dei conti tutta questa rabbia derivi da una fragilità spezzata che vorrebbe solo ritrovarsi in pace con se stessa.

Smash the Control Machine non cerca nemmeno per sbaglio il capolavoro, né consegna tracce che possano anche lontanamente rivoluzionare lo stile della band, ma nellascoltarlo si avverte una felicemente ritrovata verve e alchimia tra i membri; inoltre, Shamaya e soci focalizzano la propria violenza sul carico psicologico (supportato da unurgenza lirica di voler dire qualcosa, discutibile o meno che possa essere) e sul giusto bilanciamento tra quiete e furia piuttosto che sulla continua fragorosità sonora martellante, cosa ormai rara e apprezzabile in un panorama a stragrande maggioranza piatto, monotono e superficiale come quello del metal anni 2000.
Tuttavia, anche negli episodi migliori, dà un certo fastidio la produzione purtroppo decisamente non azzeccata, che stacca tutta la sezione strumentale in un mix separato dalla voce, facendo tiranneggiare questultima su tutto come nei dischi emo-pop.

6/10

Posted in music | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Otep – The Ascension

Posted by StepTb su novembre 10, 2007

Capitol/KOCH, 2007
Album

Atteso dapprima per il 2006 e poi per la primavera del 2007, il terzo full-length degli Otep esce invece quasi a fine 2007 a causa di svariate complicazioni, con una tracklist differente da quella annunciata in precedenza, una line-up nuovamente cambiata (stavolta fuori Rios e Pellerin, sostituiti da Nordstrom e Wolff a, rispettivamente, chitarre e drumming), ed un piccolo "anticipo" per i fan (lEP Wurd Becomes Flesh, 4 tracce di poesie inquietanti su background noise, acquistabile solamente nel 2005 durante il tour Mouth of Madness).

The Ascension è leggermente meno manierista e leggermente più compatto del suo predecessore House of Secrets, ma complessivamente presenta anche molte meno idee, meno freschezza, e non coinvolge a sufficienza. Se si escludono le uniche tre tracce ottime di questo album, ovvero Confrontation (un rapcore furibondo di assoluto marchio Otep, molto potente e personale), Noose and Nail (un calderone di grunge, noise, nu-metal, death-metal) e Invisible (forse il capolavoro del disco, tra melodie claustrofobiche, atmosfere decadenti, mura sonore graffianti e avvolgenti; peccato solamente per la caduta di stile finale, che va a scimmiottare un po Daddy dei Korn), si ha tra le mani un prodotto non più che sufficiente e spesso persino mediocre.
Un pezzo come March of the Martyrs non può stupire nessuno che si sia ascoltato la discografia degli Slipknot; diversi episodi (Crooked Spoons, Milk of Regret, Communion) hanno delle buone idee che però sono state sviluppate in maniere decisamente migliori su Sevas Tra e House of Secrets; Perfectly Flawed è un tentativo melodico-catchy assolutamente da dimenticare (suona decisamente e malamente fuori posto); altre tracce sono talmente già sentite e ripetitive da infastidire (Home Grown, Ghostflowers, Eat the Children).
Complessivamente è ancora più ridotto lo spazio dedicato alle atmosfere psicotiche, che pure erano un po forzate su House of Secrets (ma riuscitissime su Sevas Tra), e che qui finiscono nel marasma senza venire sviluppate adeguatamente (le aperture "no-wave" di Ghostflowers e Milk of Regret potevano essere sfruttate in modo più inquietante, senza farle sfociare in breve nel solito pezzo slipknotiano).
Episodi tutto sommato inutili, sebbene non scadenti, la martellante cover di Breed dei Nirvana e la lunga chiusura Andrenochrome Dreams (dal sopraccitato EP Wurd Becomes Flesh).

Consigliabile, come sempre, la lettura dei testi (claustrofobici e da incubo), uno dei pochi elementi degli Otep a non deludere mai, e che qui tocca il vertice nel lungo malato monologo di Andrenochrome Dreams.


5.5/10

Posted in music | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: