StepTb blog

Black Coffee Blues

  • Archivio

  • Categorie

  • Best albums

  • Best films

Archive for the ‘food for thought’ Category

Fascist Spectacle: The Aesthetics of Power in Mussolini’s Italy

Posted by StepTb su luglio 7, 2017

University of California Press, 2000 (first published 1997)
314 pages
Author: Simonetta Falasca-Zamponi

La versione in lingua italiana, dal titolo “Lo spettacolo del fascismo”, è acquistabile qui.

The section “The Mussolini Myth” is especially important and useful; it collects all the (seemingly) bizarre mediatic tactics Mussolini used to project youth, masculinity, strength, power, and, ultimately, immortality – in a gradual transformation from cult of personality to a deification.
In the meantime, a nation of people identified the leader’s projections as the quality of the nation itself, even if the nation was actually lacking them. A form of mass hypnosis and escapism, leaving such a deep cultural influence that I believe Italy has never managed to fully wake up from it.
It can be easily recognized how some contemporary leaders, like Putin, are employing the same tactics to project a carefully crafted powerful image to their people and, perhaps even more meticulously, to other countries’ citizens.

The chapter “The Politician as Artist” shows us how perfectly Mussolini understood the weaponizing power of media and the nature of politics as entertainment in a modern sense before any other leader. And the next chapter, “From Art to Violence”, leads us to the natural consequences of that realization.

Almost all the western world has gradually shifted towards an infotainment-dominated form of public politics since the end of WWII, so these topics are extremely current. And worrisome.

8+/10

Posted in books, food for thought | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

John Rawls – Giustizia come equità: Una riformulazione

Posted by StepTb su luglio 7, 2017

Feltrinelli, 2010 (first published 2001)
259 pages
Original title: Justice as Fairness: A Restatement

A very important point Rawls makes in this book is the inability of the welfare state to realize his two principles of justice; he advocates instead for a property-owning democracy. This point was touched briefly in A Theory of Justice too, and here isn’t discussed as in-depth as it should have deserved, but it’s discussed and stated explicitly nonetheless.
The vast majority of both admirers and critics of Rawls seem to completely ignore this important and integral part of his theory.

8+/10

Posted in books, food for thought | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Please Understand Me II: Temperament, Character, Intelligence

Posted by StepTb su giugno 27, 2017

Turtleback Books, 1998
350 pages
Author: David Keirsey

This book systematized and popularized MBTI, and it was interesting when it came out, but it’s now outdated.
Only because of popularity and a huge marketing machine behind it, Recruiters, HR Managers and people of all sorts are still using MBTI today to make strategic decisions (especially in the Anglosphere), which testifies the lack of scientific thinking in our society.

Anyway, it must also be kept in mind that the Big 5 (or 6) model, which is currently regarded as the most reliable one in psychology, was influenced by MBTI:
The I/E dimension remained the same.
The S/N dimension roughly corresponds to Openness-Intellect.
The J/P dimension roughly corresponds to Conscientiousness-Orderliness.

The trickiest dimension, and the most obviously wrong, was the T/F one. On paper, T/F seems to be a classification of decision-making preferences, but those preferences are very sketchy and poorly explained/supported. Decision-making ‘based on facts vs. feelings’ doesn’t really mean anything, so what T/F really measures seem to be raw brain power and emotional stability mixed together, so a mix of the Intellect and the Neuroticism dimensions.
But, if you read all the F personas described in PUM, you can also see how they’re all depicted as highly Agreeable. At the same time, though, the T personas are *not* described as low in Agreeableness.
So basically, just like in feel-good astrology, Fs were told they were highly A (skipping the I and N interpretations), and Ts that they were highly rational (skipping the A and N interpretations).
And, if you take a look at discussions in online MBTI forums and groups, you can find plenty of people who scored high on T/F because of each one of those three (I, A, N) very different reasons (with the most common ones being low Agreeableness as a predictor of scoring T, high Agreeableness as a predictor of scoring ExFx, and high Neuroticism as a predictor of scoring IxFx).
Mixing those three dimensions into one and trying to portrait idealistic archetypes made the whole model extremely confusing and unreliable, and the Big 5 put some order to that.

Then of course there’s the binary choice problem: MBTI is black and white and puts people into 16 exact boxes, so it ends up saying that a person who hypothetically scores 49% on one dimension is more similar to someone scoring 1% on the same dimension than to another one scoring 51% – which is completely absurd, since 49% and 51% are basically the same result.

The book’s most useful and insightful points are the ones talking about the 4 different types of intelligence, and the ones about mating strategies. NT-NF couples really seem to work extremely well.
(Also, luckily Keirsey completely ignores the theory of “cognitive functions”, the most pseudoscientific part of MBTI.)

P.S. For the curious among you: I score as INTJ.

7/10

Posted in books, food for thought | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

The Bell Curve: Intelligence and Class Structure in American Life

Posted by StepTb su giugno 27, 2017

Free Press, 2010 (first published 1994)
912 pages
Authors: Charles Murray, Richard Herrnstein

It’s the most famous book by Murray, and most likely also his worst.
It must be noted that a lot of people attacked and still attack TBC without having really read it – the book is deeply flawed, but it’s not a racial eugenics manifesto, and doesn’t even focus on race.

The book was published only 4 years after the Human Genome Project started, but presented as definitive, established facts things that were not, and still aren’t. The authors, who are not genetists, misrepresented the state of genetics by taking simplistic stances and presenting them as if they were the scientific consensus.
Even worse, the book damaged the possibility of seriously debating biology-informed policymaking, by proposing policies based on that simplistic misrepresentation and not even really backed by the book’s own content.

The whole book flows from a catastrophically wrong assumption: that “heritability” means “genetic determination”.
This alone is enough to make TBC a pseudoscientific work.

There are also other fallacies. The authors are always careful enough to mention studies showing that the relationship between genetic components and environmental contributors is so complex that we basically don’t know how to separate them, and we don’t really know how and why IQ/ability does or doesn’t increase both inter-generationally and during the first 15 years of life, but then they go on with their conclusions as if those studies were irrelevant or not even mentioned a few pages earlier. In reality, most of the contradicting studies they quote, like the documented increase of 7 IQ points per decade in 18 year olds in The Netherlands and Belgium from the 1950s to the 1980s, are enough to falsify their conclusions.

More recent studies have even shown that IQ heritability itself is high among high socioeconomic status families, but significantly lower among low socioeconomic status families, thus showing TBC’s conclusions are not only the product of a false equivalence, but also of fallacious measures in the first place.
Which demonstrates how more research into heritability is especially important: to falsify pseudoscience that has a particularly dangerous potential.

So what’s there to save? The first chapters in particular, where the authors describe the phenomenon of social, economic and cognitive clustering in the American society, which wasn’t as clearly perceived as a problem in the 1990s as it is now (we’re only now, maybe, waking up to the nefarious effect on Western democracies of bubbles and polarization, combined with other issues). But TBC doesn’t analyze it the way it should (again, the authors like the simplistic and wrong explanation of “genetic determination” too much to do that), and Murray wrote another book in 2012 talking about the same process more at length.
Another interesting and important point is the steady decline in fertility of high-IQ women, but, again, it’s not really analyzed.
The heated debate stirred up by TBC also contributed to a widespread revision of the “blank slate” assumption, and underlined some negative externalities of some policymaking based on strict and fixed demographic categories.

More in-depth and very balanced reviews that I fully agree with, and that explain all the other problems with TBC way better than I possibly could:
http://www.nyu.edu/gsas/dept/philo/faculty/block/papers/Heritability.html
http://reason.com/archives/1995/03/01/cracked-bell/

Check the textbook Psychology, chapter “Intelligence”, for a correct overview of what science knows about it.
Check The History and Geography of Human Genes for a serious book about genetics and human differences.

4/10

Posted in books, food for thought | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il potere è noioso: Il mondo globalizzato raccontato dal più anarchico degli economisti

Posted by StepTb su giugno 27, 2017

Baldini&Castoldi, 2016
125 pages
Author: Alberto Forchielli

Forchielli è un personaggio incredibile, larger-than-life si direbbe negli USA, e si sentiva la mancanza di un libro che ne catturasse allo stesso tempo pensiero e personalità. Quindi, un ringraziamento a Mengoli.
Il libro è infotainment di alto livello, completamente all’opposto di ciò che viene invece propinato continuamente dai MSM italiani, ai quali funge da antidoto. Si parla di economia, business, geopolitica, policy, WW2, valori etici e cenni autobiografici, con particolare attenzione a Italia e Cina. E, dall’inizio alla fine, si spara a zero su tutto e tutti, con passaggi esilaranti infilati in mezzo a una sfilza di osservazioni scomode e amare. Gli argomenti toccati sono dozzine, e per tanto nessuno di essi viene davvero approfondito – il testo non va dunque preso come un saggio, ma più che altro come un lungo blogpost, o una lunga chiacchierata a cena.
Ciò che oltretutto colpisce di Forchielli è l’avere in sé in parti eguali lo spirito della piccola città italiana degli anni ’60-’70 e lo spirito globalista e futuristico della corsa al progresso tecnologico ed economico più avanzata. In questo lo vedo come un perfetto “ponte” tra due mondi, uno capace di spiegare e indicare al primo la via per il secondo, ma resta purtroppo un esemplare rarissimo.

Frase-chiave: “Un’azienda si può sempre acquistare, ma un modello socio-economico non è ancora in vendita”.

8/10

Posted in books, food for thought | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

In what country is High School the hardest?

Posted by StepTb su settembre 18, 2016

(Titoli alternativi:
– Alle superiori in Ita si studia “troppo poco”: uhm, davvero?
– Siamo pigri, dobbiamo fare come gli asiatici che invece a scuola si fanno il mazzo. O forse no…
– Bla bla vari su stakanovismo studenti non-Ita o riforme scuola Ita che mancano totalmente il punto)

To answer, I think we should take into account three metrics:
1. How much time you need to spend in class
2. How much time you need to spend doing homework
3. The material’s difficulty level

I don’t know about 3, but we can find an answer to 2 here: Homework around the world: how much is too much?

China (Shanghai) dominates the chart, with 14 hours/week, followed by Russian Federation (10), Singapore (9.5), Kazakhstan and Italy (9).
All the other countries are below 7.5, with most of them around 5. US, Hong Kong and Australia are around 6.
At the bottom of the chart, we can find the students from Finland, Korea and Czech Republic, who spend an average of 3 hours/week.
Poland also scores relatively high (6.6). Canada, Netherlands and France are around average. Israel, Austria and Denmark are below average. Sweden, Argentina, Chile and Japan are near the bottom.

As for 1, some OECD data about “average number of hours per year of total compulsory instruction time” can be found here.

For “Age 15 – typical programme”, the countries surpassing 1000 hours/year are Austria, France, Italy, Korea, Mexico, Netherlands and Spain.
China has only 750 (most likely evening lessons are counted as tutoring/private study, hence why they top the other chart but not this one).
Finland 856, Russia 912, Czech Republic 950.
Poland, Chile, Greece, Hungary and Sweden are at the bottom, with less than 700 h/y.
US hours vary a lot between different States, but, judging from this, it seems they’re around 950–1000 on average.
I couldn’t find data for Kazakhstan, Hong Kong and Singapore.

In another chart, Education resources – Teaching hours – OECD Data, “teaching hours” in “upper secondary” education, the countries at the bottom are Denmark, Greece, Russia, Japan, Norway, Iceland, Finland, Korea (contradicting the other data), Israel and Poland.
Italy and France here are around the OECD average.
Argentina, Chile (contradicting the other data), Mexico, Australia, New Zealand, Canada and Netherlands top the chart.

Korea, the current #1 performer in nearly every international assessment, seems less demanding and more balanced than both China and Italy.
Singapore, another top performer, is likely very demanding, near the Chinese level.
Japan, another top performer, seems on the other hand less demanding than all four.
Finland, another regular top performer, is instead much more relaxed and less demanding not just than all the other five, but even than the OECD average.
Poland, Netherlands, Russia and Canada seem all fairly demanding, with above average demands correlated to top results. Hong Kong is probably the same.
Israel, Denmark and Czech Republic seem to be highly efficient (even if less than Japan and Finland), producing more than what they demand.
Italy strikes as highly inefficient: it demands top commitment and dedication from students, but it doesn’t top charts.
The examples of, above all, Italy, Japan and Finland, suggest that making school ‘hard’ and making it ‘efficient’ are two different things.

Now, some observations on #3 and Italy:
In the Italian case, the only type of institute being equally demanding in both Humanities+Philosophy and Science+Math areas is the so-called Liceo Scientifico (Science High School).
Plus, difficulty varies a lot on a regional/local basis, with some regions like Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia-Giulia being particularly hard on students, and many others being softer (see Quant’è generosa o severa la tua scuola superiore alla maturità? and Maturità, la geografia dei voti racconta un Paese diviso).
Probably, at the end of the day, Iocal differences weigh more than the institute’s type, and a good HS in the 5–6 ‘hard’ regions is still hard.

A final consideration on the Italian case:
Not many people know Italian HS actually demands top commitment both in lessons hours/year and in homework hours/week when compared to the rest of the world (points #1 and #2).
The material’s difficulty and teacher’s strictness (point #3) are two metrics that vary a lot between regions and institutes, especially in the Italian case. If we take into account this big internal heterogeneity (that can help us understand why the national system as a whole isn’t a top performer, even if it’s not enough) and we add it to the previous observation, it means the ‘hard’ regions (Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia-Giulia, Liguria, Piemonte, Veneto – more or less in this exact order) and the ‘hard’ institutes are actually *really* hard.
Conclusion: if you attended an Italian Liceo Scientifico in one of the ‘hard’ regions, you attended one of the hardest and most demanding high schools in the world.

Posted in food for thought, generic stuff | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Humphrey B. Neill – The Art of Contrary Thinking

Posted by StepTb su giugno 15, 2016

Caxton Press, 2010
201 pagine

First published in 1954 and updated in subsequent editions by the author until 1963, this book predates various observations and topics of modern behavioral economics.
To understand and appreciate it, you need to keep in mind it was written during the era when Keynesianism was ruling undisputed (roughly from 1945 to 1973), and both social scientists and policy makers were thinking of the prosperity puzzle as solved and of human economic activity as predictable.
Neill was going against the grain, part of a skeptical minority. This also explains why he doesn’t seem to apply the same strict contrarian rules to his own ideological biases – which become obvious in some black-and-white thinking passages (other than when he self-describes as “Libertarian”, “conservative”, “realistic reactionary”, and when he cites, p. 150, “Ayn Rand’s wonderful new book, Atlas Shrugged” – ugh).
The book is heavily and explicitly influenced by Extraordinary Popular Delusions and the Madness of Crowds (Charles Mackay, 1841), Les Lois de L’Imitation (Gabriel Tarde, 1890), and Gustave Le Bon (La Psychologie des Foules, 1895; Psychologie du Socialisme, 1896).
The edition I bought (6th ed., Caxton Press 2010) has way too many typos – the editors did a poor job.

Some key passages:

pp. 42-44:

The public is perhaps right more of the time than not. In stockmarket parlance, the public is right during the trends but wrong at both ends!
One can assert that the public is usually wrong at junctures of events and at terminals of trends.
So, to be cynical, you might say, “Yes, the public is always wrong when it pays to be right – but is far from wrong in the meantime”. […]
The “time element” is the most elusive factor in economics. We need to get that fixed firmly in our minds. (Insofar as I am aware, there is no known method of timing events or trends).
Therefore, when we adopt a contrary opinion, as a guide, we must recognize that we may be too far ahead of the crowd. This is because economic trends often are very slow in turning, or reversing.

p. 80:

Students of crowd psychology know that the average voter pays scant attention to the fundamental facts concerning either the candidate or the platform. He accepts “what he feels”. The forces of suggestibility and contagion form the image in his mind.
Mystery is an al-powerful tool. “Tell ‘em nothing and promise ‘em anything”, counsels the politician; “and, above all, never reason with voters; affirm but never explain; repeat what you’ll do for ‘em, but never argue”.

pp. 83-85:

The aim of this writer’s contrary comments is to proffer interpretations in the field of economic psychology, still largely unexplored. One does not find, for example, the title “Economic Psychologist” used as yet. The few writers who are paying serious attention to the study of human behaviorism and its influence upon economic trends refer to themselves as sociologists, economists, or psychologists.
However, it is evident from studies and papers presented in recent years – and from the surveys of consumer intentions and attitudes which have been conducted for the Federal Reserve Board – that the field of economic psychology is one in which serious concentration will be focussed in coming years. […]
So, while we cannot foretell the future, we can be confident that economic psychology will be a required subject for study as we learn more about economic trends and cycles – and what starts and stops them.

p. 92:

However, we need not to be too discouraged, it seems to me, because the whole field of economics remains a “guessy” one. Little, if any, progress has been made over the years in attaining profitable accuracy in economic forecasting. And, mind you, this condition still exists, notwithstanding the extraordinary volume of statistics that is now available to students and which was not known to former forecasters.
It seems to me that the long history of economic forecasting clearly demonstrates that “psychology” is the missing key. You may have all the statistics in the world at your finger tips, but still you do not know how or when people are going to act. Accordingly, the statistics frequently lead you astray.

p. 94:

A basic usefulness of contrary opinions is to guard against predicting the unpredictable; or, to put it another way, to avoid being ensnared by faulty general predictions. […]
I believe it is correct to say that the theory [of Contrary Opinion] is more valuable in avoiding errors in forecasting than in employing it for definitive forecasting.

pp. 101-102

Making predictions has become a mania. Practically all economists are called upon for their future views – and many go out of their way to write articles and make speeches about “what’s ahead”. […]
But the significant fact for us to hold before us is that the more prominence predictions receive the more inaccurate they are likely to be. […]
If you believe the predictions, you go against them to protect yourself. Thus, you help the predictions to go haywire.

p. 104

Most of us can’t stand being alone more than half an hour, and our idea of reflection is merely to reflect and repeat what someone has told us! (We’re imitators, that is.)

pp. 106-107

[Entrepreneurs] built so fast and furious that their second step – of combining enterprises and pyramiding one on top of another – has led to the submersion of individual effort and the fostering of group effort and the conformity of the individuals to a mass pattern. […]
Business organizations have become too large for individual management. We have entered the era of group management. Mass conformity has, naturally, gone along. […]
May it not be that cyclical movements will be of greater (rather than lesser) intensity in the future, because of this development of mass conformity?

pp. 110-111

It takes us average humans a considerable interval to shift our viewpoints, once we have established a given mental outlook.
That is, if we have (mentally) accepted a trend as moving in one direction, we are not inclined to change our outlook until well after the trend turns. […]
However, if we adopt a contrary course and try to anticipate a change in the current, we’re more likely to recognize the signs of an approaching whirlpool or precipitous drop than if we merely assume that if the river is smooth here it must be smooth all the way.

pp. 113-114

As you browse over the opinion which have been published through the years – in eras of good times and bad – you are struck over and over again by how often the prevailing conditions produced the opinions; […] Little effort was made to analyze what had happened previously – things which would cause a change in the future.

p. 118

When economic affairs are booming and “everybody” feels cheerful, optimistic, and prosperous, no one wants to hear disparaging remarks or bad news about how things are going. […] If someone suggests that booms and periods of optimism always overshoot the mark and bring about corrective reactions, that said someone is called a “prophet of gloom”. He is politely (or unpolitely) told to shut his pessimistic mouth. […]
At another time, when the economy has been slumping and “times are bad”, then the opposite psychology prevails. People […] get into the frame of mind that allows them to believe that everything is in bad shape. What is more, they expect things will remain that way. […]
Rut-thinking is a common trait. I have said that the art of contrary thinking may be stated simply: thrust your thoughts out of a rut.

p. 125

The “crowd” is most enthusiastic and optimistic when it should be caustious and prudent; and is most fearful when it should be bold.

p. 128

I’m confident you are aware of how different a wellthought-out opinion is from one that is caught on the fly, so to speak, or one that is merely a reflection of a crowd’s fears or hopes. An individual may think out his opinions, whereas a crowd is swayed by emotional viewpoints rather than by reasoning or reason-why arguments.
Emotional and thoughtless opinions spread widely from imitation and contagion.

p. 131

Being positive, specific, and dogmatic is about the most harmful habit one can fall into. […]
The value of the contrary approach is the opposite. It prevents one from being a dogmatist; one avoids being positive about conjectural matters; as one reads, he mentally needles the writer or commentator.

p. 133

Instead of leaping abruptly from affirmation to its opposite (from general opinions to contrary opinions), we need to consider the synthesis (combination) of parts of general opinions and their opposites. […]
Take the leap from the General Opinion to its Opposite (or from affirmation to negation) and then, from the ideas thus released, work back to a speculative and reflective conclusion, or synthesis. In this way, we may avoid denying facts which are elements in the generalized opinions we are analyzing contrarily.

p. 140

It is evident, I think, that propaganda, skillfully engineered, manipulates opinions. […]
We are now witnessing, and shall increasingly experience, “thought and desire manipulation” which is almost firghtening to contemplate. I do not hesitate to assert that contrarianism offers protection against the Depth Manipulators.

pp. 155-156

Remarking that to be able to be caught up into the world of thought – “is to be educated”, Miss Hamilton emphasizes that the Athenian method of education was not geared to mass production. It did not produce people who instinctively all went in one way, and were conformists. There were countless contrarians in Greece back in Socrates’ day.

p. 166

Many devotees of chart reading, for forecasting stock prices, subscribe to the idea that a chart is worth a thousand words of analysis and statistics. Permit me to twist this around. I maintain “the right contact is worth a thousand charts”.

pp. 173-174

The sameness of writings on business, finance, and economics – and of course on the stock market – is such that it is almost impossible for an individual to think for himself. He is brainwashed.
The protection against brainwashing is contrary brainwork. It is hard work to think, but it is worth it.[…]
If Washington experts appear before our television screens with brave predictions of things to come, let us not forget that they are there to persuade us to think their way. The open-mouth policy is a scheduled phase of modern government.[…]
There is one noticeable trait – a paradox – that is pertinent to today’s trends of opinions: a) A person is commonly slow to change his mind, while being b) Quick to pounce on a new fad or shift to a new fashion.
Which is to say we are quick to conform, but slow to differ.

pp. 182-183

It seems impossible that in the gret Tulip Mania in Holland in 1640 the human herd could be such utter fools as to bid up tulip bulbs to 5500 fiorins each (equal to approximately $3,000) and crack a nation’s banking system in the process.[…]
And did it really happen in our lifetime that clergymen demanded “a life (sentence) for a pint”; and the confiscation of automobiles and the closing of huge hotels for what is now completely legal?
When mass manias are tied to a personality (Napoleon), patriotism (war), or God (the Crusades, or witchcraft), the hypnotic contagion of the crowd has no limits. It must wear itself out, as in the case of the Crusades, that took two hundred years.

7.5/10

Posted in books, food for thought | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Il complottismo non ha un colore, ma forse ha una causa

Posted by StepTb su aprile 25, 2015

Post sul complottismo che mi tenevo in canna da un po’ di mesi.

Colgo l’occasione perché non molto fa è uscito un articolo su Scientific American (link) che ricorda tre dati a proposito delle tendenza a credere alle teorie del complotto.

1) “Surveys by Uscinski and Parent show that believers in conspiracies “cut across gender, age, race, income, political affiliation, educational level, and occupational status.” People on both the political left and right, for example, believe in conspiracies roughly equally, although each finds different cabals.

Come hanno confermato vari poll e studi prima di questo, il complottismo non è né di destra, né di sinistra.
Qui userò l’aneddotica: come chiunque capace di ragionare, anche a me capitò, appena iniziato a capire cosa fosse la politica, di imbattermi nel “pensiero” estremista di un colore e dell’altro, e di riconoscerlo in entrambi i casi come imbecille ad essere generosi. Ciò che non focalizzavo ancora bene era il fatto che entrambi utilizzassero della retorica complottista per portare avanti le proprie tesi – questo perché ho scoperto cosa effettivamente fossero i complottisti solamente una volta avuta l’ADSL e finito per sbaglio nel pozzo online delle paranoie in libertà di cui prima ignoravo l’esistenza.
Tuttavia, nel frequente caso in cui il grosso degli anni giovanili venga passato in ambienti saturi di litania anti-USA, anti-Israele e anti-“sistema”, ci si può facilmente convincere che ormai, in quest’epoca post-WWII e post-68, il complottismo abbia trovato casa per l’appunto nel pensiero sessantottino del “fight the system” e bla bla; tale è stata per un certo periodo anche la mia sensazione. Un confronto, anni dopo, con utenti americani, mi ha svelato che, ironicamente, nel Nuovo Continente il complottismo viene al contrario visto come “di destra”, a causa del loro peculiare assetto politico in cui la dx (che sia conservatrice o libertarian) non è mai dx sociale, ma sempre contraria alle politiche stataliste, e quindi è la dx quella ad essere scettica e, nei casi estremi, paranoica nei confronti del “sistema”. Ma anche la loro sx è mobile, e abbraccia con disinvoltura aperture complottiste nel momento in cui le fa più comodo (dal noto esempio dell’omicidio JFK a tutte le paranoie contro le corporation, non ultime quelle sulla Monsanto e su tutti gli OGM).
La prova empirica di quest’assenza di colore, nel nostro panorama nazionale, è stata data dall’entrata nell’arena politica del M5S; costruito su più basi sedimentate (il seme originario può essere individuato negli spettacoli grilleschi anni ’90), sfruttando un’onda lunga di sentimenti antisistema, non s’è fatto scrupoli ad accogliere e far leva a livelli diversi su complottismi d’ogni genere (1, 2, 3, 4), e, allo stesso tempo, ha pescato a strascico lungo tutto l’asse da dx a sx.
A distanza di tempo, appare evidente come le ideologie estremiste poggino le proprie basi su complottismi più o meno celati: per essere estremisti, costoro necessitano di prendere una posizione manichea secondo cui “l’altro” è il nemico assoluto che li opprime, mentre ammettere proprie colpe e mancanze finirebbe inevitabilmente per trasformare il bianco/nero in una scala di grigi, e dunque ricadere verso posizioni centriste.
Più o meno celati, perché spesso il ragionamento complottista si annida dietro talmente tanti strati di retorica che può diventare difficile riconoscerlo come tale. Un caso che non può più essere celato, perché la Storia ce l’ha consegnato già analizzato e sviscerato, è quello del filone antisemita che culminò nel periodo nefasto cui resterà indissolubilmente legato. Un caso molto più insidioso, perché nascosto dietro problemi sociali realistici e al ricatto morale del politicamente corretto, è quello, tipicamente di sinistra, del dividere la popolazione in gruppi identitari a cui rivolgersi politicamente e ai quali vendere il concetto (complottista) secondo cui ogni loro problema è causa di un altro gruppo identitario, stavolta di maggioranza, che li ha sempre oppressi – ignorando platealmente il fatto storico che, lungo il corso del tempo, anche in quella stessa maggioranza il potere è sempre rimasto nelle mani di una minuscola élite.
E infatti,

2) “Group identity is also a factor. African-Americans are more likely to believe that the CIA planted crack cocaine in inner-city neighborhoods. White Americans are more likely to believe that the government is conspiring to tax the rich to support welfare queens and turn the country into a socialist utopia.

3) Infine, “42 percent of those without a high school diploma are high in conspiratorial predispositions, compared with 23 percent with postgraduate degrees.
– Come mostrano i dati, la variabile dell’educazione da sola non basta a spiegare la tendenza al complottismo: nonostante si rilevi una riduzione, quasi un quarto di chi possiede titoli superiori alla laurea triennale ne risulta ancora non immune.
Potrebbe quindi essere spiegata col benessere economico? Pare di no (vedi più sotto).
Io ho una teoria su quale sia il fattore principale, che ho dedotto da una ricerca sul web in cui ho confrontato varie fonti.

http://www.publicpolicypolling.com/pdf/2011/PPP_Release_National_ConspiracyTheories_040213.pdf
La prima pagina riassume un po’ tutto il discorso di poc’anzi. C’è una distribuzione equa di chi crede ai complotti, che varia grandemente a seconda di come viene formulata la domanda (non essendoci una definizione universale di cosa sia esattamente un complotto, la formulazione della domanda può contenere questo o quell’altro bias e variare di molto il risultato), ma anche del tipo di complotto (NWO e global warming schiaccianti tra i repubblicani, e invece pari sulla guerra in Iraq).

911worldopinionpoll_Sep2008
World poll sul 9/11, condotto nel 2008. Nigeria e Kenya figurano meno complottiste dell’Italia.

A cui va aggiunto http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1467-9760.2008.00325.x/abstract
Si legge solo l’inizio, ma riporta che nel 2006 il 22% dei canadesi credeva al 9/11 come complotto attuato dagli stessi americani. Più della media mondiale, e di varie nazioni nettamente più povere, di due anni dopo.

http://www.911truth.org/images/ZogbyPoll2007.pdf
Poll sul 9/11, la correlazione dell’income non è evidente. Si abbassa e poi si alza quando si passa alla fascia di reddito più alta. Quindi nemmeno la variabile del reddito basta a spiegare la tendenza al complottismo.

http://www.aei.org/files/2013/11/06/-public-opinion-on-conspiracy-theories_181649218739.pdf
Vari poll condotti nel tempo. Pochissimi considerano la variabile income, ma, dove c’è, mostra variazioni di pochi punti. La variabile dell’istruzione ne mostra di più, ma ci si aspetterebbe maggiori variazioni, soprattutto tra high school e college. Il dato ricorrente è di nuovo che, pare, siano equamente distribuiti demograficamente e politicamente, e che varino a seconda del tipo di complotto. Ad esempio, il complotto sull’assassinio di King vince nettamente tra le minoranze etniche e i democratici.
Nelle loro parole:
We don’t find compelling evidence from the data in this document that particular demographic groups are susceptible to a belief in conspiracy theories. It depends on the theory. Middle-aged Americans are more likely to believe in the JFK assassination conspiracy than older or younger ones. Young people and Democrats are most likely to subscribe to conspiracy theories about 9/11. Women are more likely to believe foul play was involved in Princess Diana’s death. While the demographic data presented here are by no means exhaustive, we’re hesitant to endorse what much of the literature concludes – that the young and less educated are more prone to conspiratorial instincts.
– Quindi sia il loro risultato, sia quello più diffuso, mostrano come correlazioni principali delle altre rispetto alla povertà.

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.2044-8309.2010.02018.x/abstract
Studio che mostra come ci sia una correlazione tra un tipo di personalità machiavellica e la credenza ai complotti. Chi crede ai complotti, è probabile ne farebbe uno.

http://www.psypag.co.uk/wp-content/uploads/2013/09/Issue-88.pdf
Compendio di vari studi. Alle pp. 8-9 elenca la serie di correlazioni finora emerse da essi: bias cognitivi, alti livelli di rifiuto delle norme sociali, autoritarismo, sensazione di impotenza, basso self-esteem, bassa fiducia, cattivo carattere, alti livelli di cinismo politico. Conclude sostenendo ci siano vari meccanismi sia cognitivi che sociali in gioco, e che, per ora, oltre alle correlazioni trovate, gli studi siano ad uno stadio troppo precoce per avventurarsi nell’individuare quali siano invece le cause.
Alle pp. 23-24, parlando della possibile ma in realtà sfuggente correlazione tra complottismo e autoritarismo, secondo me c’è il passaggio che riassume tutto:

Several studies by Monika Grzesiak-Feldman have shown that anti-Semitic conspiracy theories in Poland are more likely to be held by authoritarians. Likewise, a study in the 1990s by Yelland and Stone found that authoritarians are more amenable to persuasion that the Holocaust was a hoax, orchestrated by a massive Jewish conspiracy. Viren Swami, a psychologist at the University of Westminster, has demonstrated that anti-Semitic conspiracy theories are associated with authoritarianism in a Malaysian sample as well. But there’s some evidence pointing the other way as well. In a separate study, Swami and his colleagues at the University of Westminster showed that 9/11 conspiracy beliefs are associated with negative attitudes toward authority, and John W. McHoskey found that people high in authoritarianism were more likely to be anti-conspiracist when it comes to the JFK assassination. So what’s going on here? It looks like the content of the theories is what matters. The research on the psychology of authoritarianism has long shown that authoritarians tend to derogate and scapegoat minorities, which seems to be what’s going on in a lot of these anti-Semitic cases: a minority is being blamed by the majority for the ills of society. Swami’s Malaysian study actually proposes that the anti-Semitism shown by the Malaysian respondents might be a proxy for anti-Chinese racist attitudes: there are very few Jews in Malaysia, so Malaysian authoritarians might displace their ethnic aggression from a relatively powerful and socially accepted minority group (Chinese) onto one that is almost non-existent in their society and so can be scapegoated without consequence (Jews). In contrast, a lot of modern conspiracy theories have a very populist and antigovernment tone. They blame authorities for the evils of society, not minorities – the American government blew up the Twin Towers, MI6 killed Princess Diana, and so on. So it makes sense that authoritarians would be less likely to believe that their governments are conspiring against them and anti-authoritarians would find this idea more appealing. There’s no uniform association between authoritarianism and conspiracy belief – it seems to depend on the specifics of the theory in question.

Scapegoat, ovvero scaricabarile. De-responsabilizzare psicologicamente se stessi caricando qualsiasi colpa sulle spalle di un capro espiatorio.
Riassunto del tutto: la correlazione tra complottismo e povertà non è abbastanza consistente da poter essere indicata come la principale, sia per ciò che emerge dai risultati esistenti, sia perché mancano ancora studi in materia, e, allo stesso tempo, non c’è una correlazione solida quanto ci si aspetterebbe con l’istruzione.
C’è invece una correlazione ormai provata tra complottismo e varie attitudini psicologiche individuali, tra le quali emergono soprattutto alienazione, “scapegoatism” aka scaricabarile, senso di impotenza, sfiducia nel mainstream (e quindi anche nelle istituzioni) di qualsiasi tipo.
Ipotesi mia finale: da questo si può ipotizzare che un paese come l’Italia, nel quale indoli come scaricabarile e sfiducia sono diffuse, e il declino (che la nostra pessima classe giornalistica si ostina ancora a chiamare “crisi”, ma questo è un altro discorso) è manifesto ovunque da troppi anni, produca più complottismo di, ad esempio, un paese con meno benessere ma avviato verso lo sviluppo, in cui i cittadini hanno iniziato ad avere fiducia nelle istituzioni perché stanno funzionando.
Il dubbio che resta è di essere nel pieno di un circolo vizioso: le persone che tendono ad avere tali qualità negative, e dunque credere ai complotti, magari lo fanno solo per via di una proiezione sul prossimo di ciò che (consciamente o meno) “sanno” di loro stesse, ma ciò significa anche che, se tali persone ne avranno la possibilità, costruiranno o popoleranno istituzioni disfunzionali che avranno l’effetto di propagare una sfiducia verso le stesse sul resto della popolazione, e dunque a loro volta alimentare i sentimenti che danno vita ai complottismi.

Posted in food for thought, generic stuff | Contrassegnato da tag: | 2 Comments »

Quote of the Day

Posted by StepTb su gennaio 9, 2015

« Nonostante la mia venerazione per la scienza, non sono uno scientista. Perché uno scientista crede dogmaticamente nell’autorità della scienza mentre io non credo in nessuna autorità ed ho sempre avversato il dogmatismo, e ancora ovunque lo avverso, soprattutto nella scienza.
Sono contrario alla tesi secondo la quale lo scienziato deve credere alla sua teoria. Per quanto mi riguarda, I do not believe in belief, come dice E. M. Foster; in particolare non credo nella scienza. Credo al massimo alla fede nell’etica, e anche lì solo in pochi casi. Credo, ad esempio, che la verità oggettiva sia un valore, dunque un valore etico, forse addirittura il più alto valore, e che la malvagità sia il massimo non-valore. »

– Karl R. Popper, in Alla ricerca di un mondo migliore: conferenze e saggi di trent’anni di attività

Posted in books, food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Distopie generazionali

Posted by StepTb su novembre 6, 2014

Non si contano le opere che trattano di distopie. Ciascuna di tali opere, tuttavia, non è riuscita ad anticipare correttamente i reali svolgimenti futuri, e ciò perché le suggestioni distopiche sono strettamente connesse alla situazione presente e passata in cui vengono immaginate, più che a visioni del futuro.
La chiave per capire la nascita delle distopie non sta nell’immaginarsi un futuro che progressivamente diventa sempre più minaccioso perché tale è la direzione naturale degli eventi, ma nel realizzare come sia una cristallizzazione del passato e/o del presente, resistente ai cambiamenti naturali del contesto, a costruire anno dopo anno quello che sarà un futuro nero.
Nell’immaginare le distopie, le fiction partono da un punto nella storia in cui il sistema distopico è già affermato, e una generazione intera si trova nata in un mondo già precipitato; ciò perché ogni distopia nasce come utopia. Il futuro distopico non arriva per progressione naturale della storia: ogni generazione cercherà di perseguire la propria felicità, perciò non finirà mai per mettere in piedi un sistema contrario agli interessi della propria maggioranza.

La distopia si crea perché un dato gruppo, in un dato periodo, vuole creare un’utopia per se stesso. La conseguenza è che il monopolio che così va a crearsi scombina gli equilibri e mantiene i privilegi da una parte della bilancia nonostante tempi e contesti cambino, e dunque chi nasce successivamente a tale cristallizzazione subisce un destino via via peggiore. Una volta che un modello mentale utopistico prende il potere, man mano che i tempi e le circostanze cambieranno esso si rivelerà anno dopo anno sempre più obsoleto: se, durante tale periodo, reagirà stringendosi e solidificandosi nel proprio monopolio invece di adattarsi o cedere, il futuro sarà inevitabilmente quello di una distopia, che finirà per crollare rovinosamente dopo essersi divorata le 2-3-4 generazioni successive.

Non c’è quindi da stupirsi se la generazione più utopistica del dopoguerra, quella dei baby boomers, sia stata anche quella ad aver creato il più sbilanciato sistema di privilegi per se stessa, cristallizzando il proprio presente a spese delle generazioni future, che si trovano a doverne pagare gli errori (tra cui i debiti da essi contratti). Ciò è accaduto in tutto il mondo occidentale, ma in alcuni paesi, come il nostro, per mancanza di un sistema di regole chiaro, efficiente, capace di assorbire ed adattarsi automaticamente ai cambiamenti, e allo stesso tempo con indicatori demografici via via peggiorati, le conseguenze sono state disastrose. Il fatto che si sia creata la famosa “casta” parlamentare è solo la punta dell’iceberg: fuori dalle luci dei riflettori ci sono decine di altre caste create dalla stessa generazione.
Voler dialogare con quella generazione per ridisegnare il sistema è inutile, dal momento che, dopo tutto l’investimento messo nella propria causa, ora essa non è capace di capire lo sbilanciamento che ha creato per chi è venuto dopo. Guardare la realtà dei fatti e realizzare come stiano effettivamente le cose significherebbe per loro dover ripudiare almeno parzialmente l’utopia che li ha guidati, e quindi l’idea di aver fatto bene, di aver combattuto cause giuste e di aver messo in piedi un sistema migliore del precedente. Peccato che su tali idee sia fondata la loro identità generazionale, quindi non ci si può aspettare alcuna comprensione.

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Raghuram G. Rajan, Luigi Zingales – Salvare il capitalismo dai capitalisti

Posted by StepTb su agosto 31, 2014

Saving Capitalism from the Capitalists: Unleashing the Power of Financial Markets to Create Wealth and Spread Opportunity
Einaudi, 2008 (first published 2003)
390 pagine

I mercati non sono perfetti, né lo sono le sovrastrutture che li dirigono“.

Estremamente denso, è impressionante per la sua capacità sia di descrivere nel dettaglio alcuni complessi processi finanziari (che rappresentano il “core” del libro), sia di racchiuderli tra una prima e (soprattutto) un’ultima parte che puntano invece ad una “big picture” fotografata talmente da lontano da dare quella preziosa sensazione dell’ “aprire gli occhi” su come funziona il mondo (nello specifico, sul conflitto tra poteri economici e poteri politici nei singoli paesi da un lato, e sui cambiamenti avvenuti con il declino del “capitalismo delle relazioni” e con l’apertura globale dei mercati dall’altro).

Dovrebbe essere una lettura obbligatoria per tutti quelli (e sono ancora tanti) che cianciano di capitalismo ragionando per categorie mentali desuete derivate da informazioni errate (perché ideologicamente distorte).

Il libro ha i suoi principali difetti in uno stile di scrittura con poca personalità e brio, il che, unito alla quantità di informazione e analisi presenti, lo fa diventare più pesante del necessario, e di un’inevitabile senso di incompiutezza dovuto all’aver voluto percorrere la storia del capitalismo moderno ma allo stesso tempo aver mancato, per pure ragioni cronologiche, la crisi globale del 2007/8/9.

Un altro possibile punto a sfavore potrebbe essere la piuttosto breve serie di proposte di riforma concrete presenti nell’ultima parte, ma tale mancanza può essere compresa proprio alla luce delle tesi principali del testo (l’argomento andrebbe approfondito singolarmente paese per paese, essendo le situazioni politiche estremamente differenti).

La mia nota personale: la parola “capitalismo” andrebbe abbandonata. Si tratta del retaggio di un’epoca in cui il mondo era diviso in ideologie forti contrapposte. Continuare a utilizzarla significa portare avanti anche tali categorie mentali, secondo le quali il capitalismo è una delle tante ideologie del secolo scorso, e dunque ad esse paragonabile. Un modo più corretto di descrivere il fenomeno del capitalismo moderno è “sistema del libero mercato”, e come funziona dipende da come i singoli paesi lo implementano, avvicinandolo o allontanandolo da un modello ideale in cui accesso al credito e concorrenza vengono garantiti e incentivati, e in cui le regole del gioco vengono mantenute chiare ed eque (da cui la posizione dei due autori secondo cui l’intervento dello Stato *in sé* è indispensabile, posizione intellettualmente onesta che li allontana fortunatamente dai dogmi “libertarian”). Non esiste quindi “il capitalismo”, esiste un sistema di produzione e scambio che si adatta a seconda del contesto, delle possibilità del momento storico, e di come tutti coloro che vi partecipano (dalle idee del singolo individuo che entra nel mercato fino alle scelte politiche delle nazioni) decidono di approcciarlo e declinarlo. Nei casi migliori viene adottato in maniera coraggiosa e saggia, e avvantaggia il più vasto numero possibile di persone (in quantità finora mai viste in nessun altro sistema di cui siamo a conoscenza), nei casi peggiori soccombe a relazioni e lobbying, con gruppi d’interesse organizzati che condizionano la politica per mantenere una posizione di rendita e impedire l’accesso agli outsider (da cui il titolo del libro).
Come viene qui spiegato, il rischio esistente è che nei momenti di crisi le masse disagiate e disorganizzate possano risultare propizie proprio a tali gruppi d’interesse, che cercheranno di incanalarle e sfruttarle come utili idioti per mantenere e rafforzare lo status quo.

8+/10

Posted in books, food for thought | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Roberto Perotti – L’università truccata

Posted by StepTb su luglio 25, 2014

Einaudi, 2008
183 pagine

Non posso che ringraziare R. Perotti per aver messo nero su bianco, documentandolo con le fonti adeguate e trattandolo con l’obiettività e il distacco necessari, tutto ciò che sapevo, intuivo o solamente sospettavo dell’università italiana.

Non è un libro focalizzato solo su concorsi truccati, baroni e nepotismo, come potrebbe suggerire il titolo, ma si occupa di tutte le più gravi e strutturali storture del sistema universitario nostrano.

Si impara così che:
– il problema dell’università italiana non è la mancanza di risorse: con le statistiche corrette per studente equivalente a tempo pieno (che quindi eliminano l’inquinamento dato dalla variabile degli studenti fuori corso, che in Italia sono il 50+%), la spesa italiana diventa la terza al mondo dopo USA, Svizzera e Svezia; eppure, l’u.i. si lamenta della mancanza di soldi, invece di pensare a come mai il numero di fuori corso sia così elevato
– l’u.i. non è “nonostante tutto, all’avanguardia”: i confronti globali usando criteri obiettivi lo dimostrano
– l’u.i. non è un modello di mobilità sociale né di egalitarismo: il 24% degli studenti viene dal 20% più ricco delle famiglie, e l’8% dal 20% più povero; perfino gli USA, spesso additati come esempio di spietato elitarismo cui contrapporsi, hanno dati migliori (26% e 11% nelle pubbliche, 31% e 11% nelle private, 24% e 13% nel totale delle istituzioni terziarie)
– il clientelismo non è un fenomeno circoscritto
– gli interventi della magistratura non sono una soluzione, visto che il clientelismo avviene nella maggioranza dei casi senza infrangere leggi, e, in ogni caso, anche dove scoperto, si conclude nell’impossibilità e/o non volontà di punirlo adeguatamente
– quella dei dipendenti universitari è una casta, perché refrattaria a valutazioni e punizioni, ma soprattutto una gerontocrazia, completamente distorsiva in quanto non premia i giovani talenti e fa avanzare tramite scatti d’anzianità anche senza meriti
– l’u.i. non è internazionalizzata, e scappa dal dibattito accademico reale, che implicherebbe l’essere valutata tramite peer review pubblicando in journal riconosciuti globalmente e non per case editrici locali legate ai vari atenei
– i concorsi pubblici sono un sistema assurdo per inefficienza e megalomania dirigista; impediscono la libera iniziativa di singoli atenei, facoltà e dipartimenti nell’organizzarsi come vogliono e chiamare/attrarre i nomi migliori
– i “periodi iniziali di prova” non sono un “allarme precarizzazione”, sono un fatto ovvio e naturale che si trova in qualsiasi professione
– il valore legale del titolo di studio va abolito, ma concentrarsi su questo senza collegarlo ad altre riforme porterebbe a risultati nulli o peggiori
– gli stipendi dei docenti e la didattica allo stato attuale sono esempi di inefficienze distorsive, e vanno entrambi liberalizzati
– la mobilità degli studenti si cerca solo a parole, non nei fatti: le risorse dovrebbero essere stanziate anzitutto per favorirla, quindi chiudendo corsi, atenei e sedi distaccate inutili e redistribuendo i soldi verso costruzioni di alloggi studenteschi e borse di studio (che attualmente non vanno alle fasce medie)
– quella delle fondazioni universitarie non è la migliore delle idee, si rischia di replicare lo schema delle fondazioni bancarie
– il problema università-imprese non si risolve dall’alto, ma dando autonomia e osservando la sperimentazione di vari approcci; allo stesso tempo, non si può pretendere che le imprese collaborino con l’attuale sistema dell’u.i. finché non vengono eliminate le inefficienze e storture più evidenti
– il sistema delle rette va rivisto, e la progressione fiscale va del tutto sbilanciata a sfavore dei benestanti, se vogliamo davvero che il sistema resti pubblico e incentivi la mobilità sociale
– il 3+2 è stato implementato male, senza prima correggere le distorsioni alla base; ha portato a ripetizione e diluizione dei contenuti dei corsi e, grazie anche alla raddoppiata obsoleta prassi della tesi, ad un allungamento medio di 1+ anni dei tempi di laurea
– le riforme Moratti e Mussi sono state perfettamente inutili, perché si sono rifiutate di correggere le distorsioni alla base e hanno aggiunto ulteriore burocrazia di stampo dirigista
– da parte di governi, ministri, media e grande pubblico c’è una drammatica incomprensione di come funzioni la ricerca; non stupisce quindi che la cultura della peer review sia molto poco diffusa, e in certi ambienti inesistente
– non solo ambiente di ricerca poco stimolante e privo degli incentivi adeguati, non solo burocrazia bizantina, ma anche bandi e siti ufficiali spesso senza nemmeno una versione in lingua inglese: non stupisce che la percentuale di studenti e docenti stranieri sia tra le più basse del mondo industrializzato
– gli atenei devono essere messi in condizione di competere tra loro; solo così molte delle storture esistenti potrebbero correggersi da sole, perché i comportamenti negativi andrebbero contro l’interesse stesso delle istituzioni
– il dibattito tra pubblico e privato è finto: il punto non è l’uno o l’altro, il punto è dove vanno a finire le risorse; ci sono molti esempi al mondo di università pubbliche di estrema efficienza, perché operanti in un sistema competitivo che premia la qualità.

Solitamente non dò voti altissimi ai libri “di denuncia”, e men che meno se brevi e circoscritti a realtà unicamente nostrane, ma stavolta faccio un’eccezione.
Tre i motivi:
1) Perotti è un maestro di stile e sintesi, non c’è una virgola di troppo e i concetti sono stesi in modo incredibilmente lineare e diretto; ciò rende qualità e contenuto del libro inversamente proporzionali alla sua breve lunghezza.
2) L’argomento è delicato e importante, eppure ignorato o snobbato da troppe persone ad esso esterne, col risultato di lasciarlo in mano agli interessi personali miopi di chi ne trae vantaggio (dipendenti del sistema universitario e politici in cerca di voti); Perotti interviene nel dibattito con un rigore intellettuale ammirevole, mettendo ordine logico, adottando un punto di vista distaccato e obiettivo, e depurando il terreno dall’inquinamento retorico, politico e ideologico cui solitamente si accompagna.
3) Perotti non si limita a fare un elenco di ciò che non va, né a documentarlo com’è necessario (spesso anche decostruendo la fallacia di certe fonti), ma propone anche un semplice ed elegante modo di correggere l’equilibrio distorsivo attuale: un ponderato mix di incentivi e disincentivi che permettano a chi fa bene di avanzare, a chi sbaglia di pagare, e alle risorse di seguire la qualità, allo stesso tempo decentralizzando il sistema, togliendolo da sotto la cappa del dirigismo, per dare le autonomie necessarie ai vari atenei, facoltà e dipartimenti; un sistema migliore dell’attuale emergerebbe così in modo naturale.

Purtroppo in Italia la situazione socio-politica non sembra permettere questa e altre riforme necessarie, e preferisce proseguire sulla strada del declino, nonostante le soluzioni siano a portata di mano.
Gli italiani delle prossime generazioni un giorno si guarderanno indietro e, si spera, rideranno dell’idiozia di questi decenni buttati al vento.

9/10

Posted in books, food for thought | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fuffa d’arcangelo

Posted by StepTb su ottobre 10, 2013

9 ottobre, commenti al rapporto OCSE http://skills.oecd.org/OECD_Skills_Outlook_2013.pdf a confronto.

Boeri su Repubblica: “Questo permette anche di misurare lo spreco di capitale umano. Da noi è macroscopico: con un tasso di disoccupazione giovanile al quaranta per cento, i punteggi dei giovani sono sistematicamente più alti di quelli del resto della popolazione e spesso in modo consistente, cosa peraltro non vera in tutti i paesi (ad esempio non è così in Norvegia, Danimarca, Regno Unito, Giappone e Stati Uniti). […] I disoccupati e le persone inattive, a differenza che in altri paesi, non sono meno competenti di chi lavora. Le donne disoccupate hanno addirittura punteggi migliori sia nelle competenze matematiche che in quelle linguistiche non solo dei disoccupati di sesso maschile, ma anche di chi ha un lavoro e ha più di 55 anni. ”

Uriel: “Finalmente l’ OCSE ha detto cio’ che sostenevo da qualche tempo, ovvero che la stragrande maggioranza dei disoccupati italiani sono semplicemente inoccupabili, e per quanto si sbattano di fare, anche all’estero, non riusciranno mai a trovare un lavoro nel 2013.”

Posted in food for thought, generic stuff, news, web | Leave a Comment »

Global Democracy Ranking, 2012

Posted by StepTb su luglio 27, 2013

http://www.democracyranking.org/en/ranking.htm

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Librerie personali e web: una considerazione rapida

Posted by StepTb su luglio 15, 2013

Questa settimana la mia “libreria” (libri fisici, ebooks e prestiti bibliotecari, a occhio in rapporto 40/30/30) ha superato i 1000 titoli.
Le statistiche sono: 300 ancora da leggere, 300 consultati, 40 abbandonati (rivenduti o cestinati), i restanti in lettura o completati.
I numeri erano circa la metà solamente 4 anni fa, quando ho iniziato a contarli.
Se non fosse per Abebooks, Amazon, cataloghi online, e in casi rari eBay, solo negli ultimi 12 mesi avrei speso, a stima, più di 1000€ in libri invece dei circa 300€ effettivamente spesi (acquistando da Italia, Germania, UK e USA, con prezzo compreso di spedizione quasi sempre minore all’estero – anche nel caso di edizioni italiane, guarda un po’). E avrei conosciuto, letto e comprato 10 volte meno.
Ergo, chiunque parli male di internet e la tennologgìa d’oggi che fa chiudere le piccole librerie tradizionali di una volta e ci disumanizza e causa la grisidellìbbro che non si compra più eccetera eccetera sa già la risposta.

Posted in books, food for thought, generic stuff, logs, personal projects, web | 3 Comments »

Uno per tutti?

Posted by StepTb su luglio 2, 2013

Ci arrovelliamo tanto, ma forse il problema dell’Italia è tutto qui:

Posted in food for thought, generic stuff | Leave a Comment »

Il pastone sbroc della domenica

Posted by StepTb su giugno 30, 2013

http://www.businessinsider.com/the-guardian-wayne-madsen-nsa-scoop-2013-6#ixzz2Xgh05aJk

«Some of Madsen’s controversial views include the belief that President Obama is secretly a homosexual and that the Boston bombing suspects were government agents. He’s also reported on a “former CIA agent” alleging the 2000 USS Cole bombing was perpetrated not by al Qaeda terrorists, but by a missile fired from an Israeli submarine.»

Ma figuriamoci se i nostri professionalissimi tiggì potrebbero mai dare le notizie come andrebbero date.

Posted in food for thought, generic stuff, news, web | Leave a Comment »

Clip of the Day

Posted by StepTb su maggio 1, 2013


Una storia italiana X.

Posted in clips, food for thought, generic stuff, news, video | Leave a Comment »

Una firma per una giusta causa

Posted by StepTb su marzo 6, 2013

Petizione per i diritti degli zombie in Resident Evil

http://firmiamo.it/petizione-per-i-diritti-degli-zombie-in-resident-evil


«Alla luce delle giuste rimostrazioni della PETA a favore dei diritti degli animali all’interno dei videogiochi [http://it.ibtimes.com/articles/44248/20130305/ac4-assassin-s-creed-4-black-flag-caccia-balena-peta.htm], ci proponiamo di espandere la campagna di sensibilizzazione verso una categoria ugualmente e vergognosamente ancora non coperta dal diritto, gli zombie.
Prendiamo spunto dalle condivisibili considerazioni dell’articolo di International Business Time come commento alla presa di posizione della PETA: “Se ci pensiamo bene, effettivamente, molto spesso i diritti degli animali vengono più volte calpestati all’interno dei videogiochi. È decisamente arrivato il momento che gli sviluppatori sfruttino il potentissimo mezzo videoludico a loro disposizione per sensibilizzare i giocatori anziché indurli al divertimento attraverso operazioni macabre e fini a se stesse, come la scuoiatura o la caccia“. Tali giustissime frasi disegnano tuttavia un panorama incompleto, giacché andrebbero estese ai diritti di tutti i personaggi che ricevono trattamenti indegni all’interno delle opere digitali di finzione; noi vorremmo, quindi, si partisse proprio dall’usanza che più di tutte incita comportamenti macabri e fini a se stessi, ovvero la violenza sanguinosa nei confronti dei poveri cittadini infetti nella saga Resident Evil.
Per favore, firmate ed aiutateci nell’opera di diffusione della causa.»

Grazie a chiunque vorrà contribuire.

Posted in food for thought, generic stuff, news | Leave a Comment »

Thomas S. Kuhn – La struttura delle rivoluzioni scientifiche

Posted by StepTb su gennaio 10, 2012

The Structure of Scientific Revolutions
Einaudi, 2009 (first published 1962)
251 pagine

Kuhn’s philosophical framework was actually a variation of Hegel(-Marx)’s ‘sociologism’, just rephrased with different words and applied to a specific and ‘new’ field. The most obvious proof of this affinity and rephrasing is its less logical point, the metaphysical concept of ‘incommensurability’ and the way it’s used, that pushes Kuhn’s analysis towards the lands of self-contradiction and oracular mysticism.
I believe this is the way to correctly read his work. Looked at under this lens, it’s not as original as everyone thinks, and it’s flawed right from its roots.
The book is also quite lenghty and repetitive, when compared to its actual original content.
Still, we can thank it for the fascinating concept of ‘paradigm shift’, which is widely applicable to many different fields/situations and now embedded in our culture, and for its good argument in favor of including history of science in science curricula. But we can do both of these things despite Kuhn’s original purpose, not following it: in his framework, ‘paradigm’ was simply a substitute for the concept of ‘class ideology’ as taken from the Hegelian-Marxist sociologist tradition.

La filosofia della conoscenza di Hegel sosteneva come ogni dottrina e ogni verità fosse relativa, nel senso di determinata dalla storia e dal retaggio sociale dell’individuo. Marx ha costituito in questo senso un proseguimento del pensiero hegeliano, lasciando da parte la possibilità di unificazione sotto ad uno spirito nazionale ed aggiungendovi invece una divisione in classi e habitat sociali che produce diverse ideologie non conciliabili.
Kuhn, nonostante torni indietro ed eviti di imboccare il sentiero prettamente marxista, si colloca lungo la stessa scia di sociologismo, riprendendo quindi in altri termini la tradizione hegeliana. La prova definitiva di questa appartenenza combacia anche con il punto più controverso e meno logico dell’impianto kuhniano: secondo la scia della sociologia della conoscenza di scuola Hegel-Marx, non ci possono essere compromessi o ponti intellettuali fra ideologie diverse (ma, per evitare evidenti auto-contraddizioni, implicando anche l’esistenza dello scettico illuminato capace di criticare i difetti delle ideologie e vedervi oltre); Kuhn riprende questa esatta visione cambiandone il lessico e applicandola alla storia della scienza, sostenendo che non vi può essere ponte, dialogo o comprensione cognitiva tra paradigmi scientifici diversi (ma, per evitare auto-contraddizioni, implicando anche l’esistenza di se stesso – evidentemente uno scettico illuminato e ‘superiore’, essendo capace di parlare di paradigmi diversi e notare la loro incompatibilità).
Kuhn parla difatti di ‘incommensurabilità’. Quest’ultimo punto è una posizione metafisica, e tradisce il radicalismo del suo impianto filosofico (il cui riadattamento del pensiero hegeliano-marxista-sociologico sarebbe altrimenti piuttosto morbido e malleabile). Il concetto di incommensurabilità, essendo presentato in forma radicale, contraddice l’analisi fatta dal suo stesso autore (come può esserci una simile analisi, se la comprensione di paradigmi differenti dal proprio è impossibile?), e spinge la posizione kuhniana verso il misticismo oracolare.
Un problema ‘strutturale’ che si incontra spesso nelle tesi di chi si colloca nella tradizione di pensiero dei marxisti e sociologi della conoscenza è il dibattito con l’oppositore ridotto allo spostare l’attenzione verso l’ad hominem, sottolineando come la posizione avversaria sia il prodotto di un’ideologia di classe, o di uno specifico ‘ambiente socio-culturale’ (semplice surrogato del concetto di ideologia). Questa forma di dibattito non getta luce sugli argomenti, ma mina le basi della discussione razionale, che deve invece concentrarsi sulle contraddizioni (interne o in relazione a fatti esterni) di una posizione, non su chi la esprime e sul contesto da cui proviene.
Kuhn introduce il concetto di paradigma, ma il suo framework è quello del sociologismo hegeliano-marxista, con ‘paradigma’ ad essere semplicemente un sostituto del concetto di ideologia. Dunque, in Kuhn, ogni posizione di ogni scienziato viene criticata in base al contesto storico e (socio-)culturale in cui si muove, esattamente come in tutta la tradizione di cui sopra.

7/10

Posted in books, food for thought | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: